Appello Urgente di Maurizio Turco e Irene Testa a Federica Sciarelli e a “chi l’ha visto?”. Scomparsi da notiziari e approfondimenti radio-televisivi la questione giustizia e prescrizione.

Roma 1 febbraio 2020. “Rivolgiamo un pressante, urgente, accorato appello a Federica Sciarelli e alla sua trasmissione “Chi l’ha visto?”: da settimane, mesi, è scomparsa dagli schermi della televisione di Stato ogni riferimento a dibattito, confronto, riflessione in materia di giustizia.

Ieri, in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario 2020, si è raggiunto l’acme. Il procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi ha letteralmente e sostanzialmente affondato il progetto di pseudo-riforma del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sulla prescrizione, e nei notiziari principali di TG1, TG2, TG3 non si è minimamente colto la portata e la rilevanza dell’evento. Si è “semplicemente” parlato di altro. Non si tratta, ormai, della protesta e del dissenso dei radicali, degli avvocati penalisti, di altri singoli meritevoli parlamentari. La stessa magistratura, e spesso nei suoi vertici, contesta questa pseudo-riforma, pericolosa molto più che inutile; dannosa molto più che di facciata.

Ebbene, non solo nei notiziari, ma anche nei programmi di approfondimento, nulla di tutto ciò. Nessun accenno che i reati prescritti si prescrivono in grande maggioranza in fase preliminare, quando la difesa degli imputati non può operare, e tutto si “consuma” quando il procedimento è nelle mani del GIP o del GUP.

La “linea” dei notiziari televisivi di Stato, per dolo o per colpa, è quella “dettata”, spesso in senso letterale, da quella componente di “pensiero” che si identifica in Pier Camillo Davigo, Nino Di Matteo, Marco Travaglio.

Per questo abbiamo deciso di rivolgere un formale appello alla conduttrice e animatrice di “Chi l’ha visto?”, Federica Sciarelli: ci aiuti lei a ritrovare un minimo di servizio pubblico che consenta un confronto leale e sereno su questioni urgenti ed essenziali come quello della Giustizia e di come viene (o più propriamente non viene) amministrata.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *