Roma, 17 luglio 2018 – La candidatura dell’avvocato Giuseppe Rossodivita, della Presidenza del Partito radicale, al consiglio d’amministrazione della RAI trova il sostegno di un appello promosso da Massimo Bordin, Furio Colombo, Lorenza Lei e Monica Frassoni.

“molte candidature sono state per il consiglio di amministrazione della rai, più o meno valide e diversamente motivate – spiega Bordin – fra tutte, penso sarebbe utile prendere in seria considerazione quella dell’avvocato Giuseppe Rossodivita, giurista militante e radicale. Nel suo curriculum, per così dire, c’è un passaggio da consigliere alla Regione Lazio che lo vide denunciare con successo abusi amministrativi dei partiti di maggioranza e opposizione. Come avvocato più volte si è occupato di questioni relative all’informazione e al sevizio pubblico. La sua appartenenza a un partito non rappresentato in parlamento non dovrebbe costituire un handicap. Sarebbe piuttosto una garanzia per le minoranze”.

Per Furio Colombo “il c.d.a. rai ha importanza se hanno importanza e credibilità le persone che lo compongono. In molti periodi l’intero gruppo dei componenti del c.d.a. era privo di credibilità, in altre situazioni qualcuno sì e qualcuno no. io non ho la minima idea su quale sia la strada verso cui si diriga, dico Rossodivita perché almeno uno sarebbe in grado di sapere cosa sta facendo, perché lo sta facendo, al servizio di chi lo sta facendo e in che verso si esercita questo servizio pubblico e perché sia davvero tale”.

L’ex direttore generale RAI Lorenza Lei giudica “Rossodivita un candidato che ha tutte le qualità per svolgere a pieno titolo un lavoro importante per l’azienda di stato che ha missione di servizio pubblico. Al di là delle sue qualità professionali, l’avvocato Rossodivita ha ricoperto compiti di grande rilievo per la trasparenza come consigliere regionale e ha delle qualità che si possono declinare in un mondo editoriale che ha bisogno di trasparenza, di pluralismo dell’informazione e di un adeguato piano industriale”.

La vicepresidente dei verdi europei Monica Frassoni infine ritiene che ci siano “oggi molto più di ieri dei rischi seri per la libertà di espressione, di stampa e di accesso all’informazione del nostro paese. Questa non è una grande novità ma nel governo giallo-nero esiste una reale mancanza di cultura democratica e quindi non ho avuto alcuna esitazione a firmare per questo appello per avere nel c.d.a. RAI l’avvocato Rossodivita”.