CHI SIAMO

 

Il Partito Radicale è stato fondato nel 1955, per iniziativa di esponenti del Partito Liberale e degli “Amici del Mondo” di Mario Pannunzio. Nel 1963, a seguito di una crisi del gruppo dirigente, i radicali provenienti dalla sinistra liberale guidati da Marco Pannella hanno proseguito nell’ evoluzione del partito fino al III congresso del 1967 (Bologna) che approvò un nuovo statuto a struttura federale, ad iscrizione diretta senza obbligo di rispetto di alcuna disciplina di partito, basato sull’autofinanziamento da parte dei militanti e con pubblicità dei bilanci.

Fino al 1988 si è presentato alle competizioni elettorali nazionali ed europee, ma nel congresso dello stesso anno si decise di portare a compimento la trasformazione in soggetto politico transnazionale proponendosi come “strumento di organizzazione politica, oltre ed attraverso le frontiere nazionali, aperto alla partecipazione anche di appartenenti a diversi partiti”. Di conseguenza si decise che “il Partito Radicale in quanto tale non parteciperà alle competizioni elettorali nazionali”.

Nel congresso del 1989 (Budapest) la denominazione divenne quella di “Partito Radicale Transnazionale”.

Nel 1995 ottiene in riconoscimento dello status di O.N.G. di primo livello nel consiglio economico e sociale dell’O.N.U. e conduce campagne per la promozione e difesa dei diritti civili e politici dando un contributo determinante per l’ istituzione del Tribunale penale internazionale per i crimini contro l’umanità e per l’adozione della Risoluzione per una moratoria universale delle esecuzioni capitali da parte dell’Assemblea Generale dell’ O.N.U.

Nel 2007 la denominazione ufficiale diventa quella di “Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito”.

Gli aggettivi che lo qualificano sono:

NONVIOLENTO-GHANDIANO
TRANSNAZIONALE
TRANSPARTITO
DEMOCRATICO
AMBIENTALISTA
ECOLOGISTA
FEDERALISTA DEMOCRATICO
LAICO
FEDERALISTA EUROPEO
LIBERALDEMOCRATICO
LIBERALSOCIALISTA
ANTIPROIBIZIONISTA
ANTICLERICALE
ANTIMILITARISTA
LIBERTARIO
ANTIAUTORITARIO
ANTIPARTITOCRATICO
ESPERANTISTA