Dichiarazione di Maurizio Turco, rappresentante legale del Partito Radicale:

In occasione dell’incontro tra il Presidente cinese e il Presidente del Consiglio italiano la zona nella quale sarà impossibile manifestare sarà più estesa del solito così che il presidente cinese, pur essendo in Italia, potrà sentirsi a casa sua.
Che Xi Jinping non debba vedere che anche in Italia sappiamo che la Cina è una repubblica comunista, con il corollario di esecuzioni pubbliche e i campi di “trasformazione attraverso l’educazione”, non esime dal farlo sapere agli italiani.
Tollerare il mancato rispetto dei diritti umani quale moneta di scambio è molto più grave del violarli apertamente.