PARTITO RADICALE – NO ALLA CONTINUITÀ SFASCISTA. CI VORREBBE UN GOVERNO RIFORMATORE COME NON SE NE SONO MAI VISTI.
 

Partito Radicale – No alla continuità sfascista. E’ necessaria la Riforma della Rai, della Giustizia, dello Stato in senso federalista e presidenzialista con una legge elettorale uninominale : ci vorrebbe un governo riformatore come non se ne sono mai visti.

Dichiarazione di Maurizio Turco e Irene Testa, Segretario e Tesoriere del Partito Radicale:
 
“I radicali in questo paese sono i radicali del Partito Radicale, è un fatto storico pacificamente acquisito. Tirare in ballo “i radicali” interessati a governicchi che proseguano nello sfascio della Repubblica è lesivo della storia e delle volontà espresse e ribadite dal Partito Radicale.
 
Abbiamo detto e ribadiamo che sia necessario fare il possibile perché la legislatura duri per il tempo previsto dalla Costituzione. Alle condizioni date ciò sarebbe possibile solo se ci fosse davvero una volontà riformatrice. Un governo che avesse come obiettivo immediato il licenziamento di una equilibrata manovra finanziaria con il taglio delle spese inutili e improduttive nonché il taglio della burocrazia non necessaria.
E come obiettivo di legislatura la riforma della giustizia nel senso delle proposte avanzate nei decenni da Marco Pannella e dal Partito Radicale; la riforma della RAI per allontanare i partiti dalla sua gestione; la riforma dello Stato in senso federalista e presidenzialista con riforma del sistema elettorale in senso uninominale e il ritorno al testo originario del Titolo V della Costituzione.
 
Insomma, un Governo come non se ne sono mai visti.
 
Nel frattempo, per prevenire il fascio, ci si attarderà nello sfascio della democrazia italiana, che non è iniziata il 5 marzo 2018, come vogliono far credere gli sfascisti storici.”