Giornata internazionale contro i test nucleari

NEW YORK, 9 SETTEMBRE 2019 – I test nucleari hanno “conseguenze disastrose” per le persone e il pianeta. Così ha detto un alto funzionario delle Nazioni Unite alla seduta plenaria dell’Assemblea Generale dell’ONU lunedì scorso. Gli eventi di commemorazione tenuti in occasione della  Giornata internazionale contro i test nucleari servono come “importante e severo promemoria… delle disastrose conseguenze dei test nucleari sulla salute umana e sull’ambiente”.

Il Segretario esecutivo dell’Organizzazione globale del Trattato sul divieto dei test nucleari (CTBTO) Lassina Zerbo ha dichiarato di sperare che la Giornata “ispiri i paesi ad adottare misure concrete che ci consentiranno di raggiungere finalmente il nostro obiettivo di un mondo libero dai pericoli dei test nucleari. […] Ma il nostro lavoro non è finito. L’unico percorso che ci porterà a questo nobile obiettivo è attraverso la verificabilità del Trattati CTBT e la sua universalizzazione.”

Il Segretario Generale Antonio Guterres ha osservato che la Giornata, che nel 1991 ha segnato la chiusura del sito di test nucleari si Semipalatinsk, è servito a due scopi: “In primo luogo, per rendere omaggio alle vittime dei test nucleari e, in secondo luogo, per sensibilizzare alla continua minaccia che tali test pongono all’ambiente e alla sicurezza internazionale” da parte di attori statali ma anche terroristici.

Dal 1945 ad oggi, sono stati condotti circa 2.000 test nucleari in tutto il mondo, e i dati ONU stimano che ci siano circa 14.000 armi nucleari.

“Popoli di regioni diverse come il Sud Pacifico, il Nord America e il Nord Africa hanno ugualmente sofferto dell’avvelenamento delle acque sotterranee, ricadute radioattive e altri effetti collaterali per la salute e le condizioni di vita”, ha aggiunto Guterres. “Oggi serve come promemoria del nostro obbligo morale di garantire un divieto giuridicamente vincolante sulle armi nucleari.”

E sebbene il CTBT sia ampiamente sostenuto e che il suo meccanismo di verifica, il Sistema di Monitoraggio Internazionale, abbia contribuito a facilitare la pace e la sicurezza internazionale, oltre 20 anni dopo la sua adozione, il Trattato non può entrare in vigore fino a quando non sarà stato firmato e ratificato da Cina, Egitto, India, Iran, Israele, Corea del Nord, Pakistan e Stati Uniti, ciascuno dei quali possedeva energia nucleare o reattori di ricerca al momento della Conferenza del 1996 sul disarmo.

Ha concluso Guterres:

“Voglio sfruttare questa opportunità per invitare ancora una volta tutti gli Stati a firmare e ratificare il CTBT senza ulteriori indugi, e affinché i restanti otto Stati lo facciano con un senso di urgenza. Nel 21° secolo, i test di armi nucleari semplicemente non sono più accettabili.”

 

Sintesi e traduzione di Laura Harth

QUI il testo originale