Le soluzioni politiche sono dei ‘prerequisiti alla pace sostenibile’

Mentre il mantenimento della pace è uno “strumento essenziale” per prevenire i conflitti e ridurre il rischio di ricaduta, “le soluzioni politiche sono un prerequisito per la pace sostenibile”, ha dichiarato il capo delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace al Consiglio di Sicurezza lunedì.

 

 NEW YORK, 9 SETTEMBRE 2019 – Sono passati 18 mesi da quando il Segretario Generale ONU Antonio Guterres ha lanciato l’iniziativa Action for Peacekeeping (A4P), ha ricordato all’Assemblea Generale ONU Jean-Pierre Lacroix, sottosegretario generale per le operazioni di mantenimento della pace. Ha sottolineato che l’A4P invita tutti i partecipanti a “affrontare collettivamente le sfide del mantenimento della pace”.

Ha affermato che oggi i peacekeeper delle Nazioni Unite hanno successo in molti paesi, dove svolgono “un ruolo di prevenzione cruciale” e proteggono “milioni di persone vulnerabili in tutto il mondo”, ma permangono delle sfide.

Lacroix ha attirato l’attenzione sull’importanza di porre le soluzioni politiche “al centro di questa agenda”, osservando che “in ogni paese in cui siamo schierati e laddove i nostri mandati lo consentono, le nostre missioni sono proattive nel creare – e creando spazio per – soluzioni politiche da perseguire”.

Ha citato la Repubblica centrafricana (CAR) come esempio di dove le Nazioni Unite stanno collaborando con l’Unione africana (UA) e la Commissione economica degli Stati centrafricani (ECCAS).

Ha segnalato che la missione ONU lì, MINUSCA, ha approfittato del suo “mandato politico più forte” e della “solida posizione di sicurezza” per creare il clima in cui il Governo e le 14 principali gruppi armati hanno firmato l’Accordo per la pace e la riconciliazione a febbraio.

Adattare le impronte delle missioni

Uno “spirito di mutua e reciproca responsabilità è al centro di A4P”, ha affermato il capo del mantenimento della pace, sottolineando che gli “ambienti politici e di sicurezza instabili” delle missioni di mantenimento della pace richiedono “componenti militari, di polizia e civili capaci di intraprendere degli schieramenti flessibili e rapidi”, motivo per cui il mantenimento della pace delle Nazioni Unite sta “adattando le impronte delle missioni” per garantire un “approccio operativo più mobile, robusto, consapevole e integrato”.

 

Sintesi e traduzione di Laura Harth

QUI il testo originale