Il Venezuela eletto al Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite

Il Venezuela eletto al Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite

New York, 17 Ottobre 2019 – Il governo del Presidente Nicolás Maduro ha vinto un seggio al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, una vittoria controversa per il regime accusato di intimidazioni, torture e omicidi per aggrapparsi al potere. In occasione del voto previsto all’Assemblea Generale ONU, il Partito Radicale, come tanti altri ONG, aveva lanciato un appello per invitare i governi democratici in tutto il mondo a sostenere la candidatura del Costa Rica, arrivata all’ultimo minuto proprio per contrastare la mossa del regime venezuelano.

 

L’articolo del Washington Post:

Il governo Maduro, non più riconosciuto come legittimo dagli Stati Uniti e circa 50 altri paesi , aveva lanciato la sua candidaturo al Consiglio di 47 membri per contrastare un crescente immagine di isolamento internazionale e le indagini sui suoi abusi dei diritti umani.

Il Venezuela e il rivale regionale Brasile hanno battuto il Costa Rica per i due seggi spettanti all’America Latina. Il Costa Rica aveva annunciato la sua candidatura solo questo mese, in un tentativo di evitare che il Venezuela venisse quasi automaticamente eletto al mandato di tre anni, ma il sostegno di Cina, Russia, Cuba e altri alleati ha dato la vittoria allo stato socialista.

“Con il seggio, il Venezuela cercherà di minare il controllo sui suoi abusi e gli abusi dei suoi alleati”, ha dichiarato Louis Charbonneau, direttore delle Nazioni Unite di Human Rights Watch. “Le missioni conoscitive del Consiglio e le commissioni d’inchiesta hanno svolto un lavoro eccezionale. I voti su alcune questioni possono essere vicini, quindi non abbiamo ulteriore bisogno di paesi come il Venezuela che cercano di minare il buon lavoro.”

Il Consiglio è incaricato di promuovere i diritti umani e di indagare su presunte violazioni. È distinto ma lavora a stretto contatto con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

L’Alto Commissario Michelle Bachelet ha dipinto un quadro cupo del Venezuela di Maduro. In tre rapporti di quest’anno, ha documentato detenzioni arbitrarie, torture e omicidi. A luglio, ha affermato che la corruzione e gli investimenti insufficienti hanno violato il diritto dei venezuelani a un livello di vita adeguato.

La corruzione ufficiale e la cattiva gestione nella nazione ricca di petrolio hanno portato ad una iperinflazione, diffuse interruzioni di corrente e carenze di cibo, acqua e medicine. Quattro milioni di persone sono fuggite dal paese negli ultimi anni.

Lo scorso anno Maduro, succeduto al defunto leader socialista Hugo Chávez nel 2013,  aveva ottenuto una vittoria elettorale ampiamente considerato fraudolente. Gli Stati Uniti e altre nazioni hanno riconosciuto il leader dell’opposizione Juan Guaidó come legittimo presidente ad interim del Venezuela, ma Maduro mantiene il controllo dei servizi militari, di polizia e di intelligence.

Mariano de Alba, un avvocato venezuelano con sede a Washington, aveva predetto che Maduro avrebbe usato la vittoria all’ONU per mostrare che il suo governo “ha ancora supporto ed è riconosciuto dalla maggioranza del mondo. È  un peccato, ma in pratica, non è la fine del mondo per l’opposizione.”

Il Consiglio Diritti Umani ha una lunga storia di membri con pratiche problematici. La Cina, l’Arabia Saudita, le Filippine e Cuba sono membri attuali e il Venezuela già ci sedeva fino ad un anno fa. A giugno dell’anno scorso gli Stati Uniti hanno lasciato il panel, con il Presidente Trump che affermava che si trattava di “una massiccia fonte di imbarazzo”. Il Segretario di Stato Mike Pompeo l’aveva definito “un esercizio di ipocrisia spudorata” con “alcuni dei più gravi delinquenti al mondo”.

A luglio, Cuba aveva condotto una campagna per far passare una risoluzione per respingere sanzioni “unilaterali e coercitive” contro il Venezuela. Con successo.

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *