INCONTRO CON MARCELLO BARAGHINI PER I 50 ANNI DI STAMPA ALTERNATIVA E I 60 DA RADICALE DA MARCIAPIEDE

ROMA Venerdì 6 dicembre ore 18.30,

Partito Radicale, Via Di Torre Argentina 76

Marcello Baraghini, radicale da marciapiede ed editore all’incontrario

Incontro con Maurizio Turco e Valter Vecellio, segretario e Consigliere generale del Partito Radicale, Daniela Piretti e Antonio Azzolini, militanti da marciapiede delle battaglie dei diritti civili, e Marcello Baraghini per i suoi primi cinquant’anni editoriali e i quasi sessant’anni da radicale da marciapiede.

Il 24 settembre 1968 Baraghini ed Azzolini erano a Sofia, con Marco Pannella e Silvana Leonardi, per un volantinaggio contro l’occupazione della Cecoslovacchia.

Nel 1963 Marcello Baraghini, fuggito dalla casa dei genitori, ancora minorenne e con la vocazione da capellone, inciampa in Marco Pannella nella storica sede del neonato Partito Radicale in via XXIV Maggio e per quasi un decennio è suo complice in appassionate battaglie per l’affermazione di diritti civili fino ad allora sconosciuti. Da militante da marciapiede, come lui da sempre si definisce, è fra i fondatori della LID Lega Italiana Divorzio in un Paese sotto la cappa del cattocomunismo.

Nutrito dal virus della nonviolenza e dall’antiproibizionismo dà vita nel 1970, insieme ad un pugno di capelloni, a  Stampa Alternativa, “Agenzia di Servizi e di Controinformazione” dalla parte di chi non ha mai avuto voce, per affermare diritti civili. Nel 1980 Stampa Alternativa diventa casa editrice popolare e di qualità, che afferma una nuova tipologia di libri super economici fra cui i mitici Millelire diffusi a milioni di copie. Forte dell’esperienza pluridecennale da editore all’incontrario da quelli di regime, è in atto oggi la sua vera rivoluzione editoriale e culturale, quella che propone al lettore libri fuori dalle leggi di mercato, gratuiti in rete, senza codice a barre, senza copyright,  il cui prezzo di copertina, delle edizioni cartacee, lo decide lo stesso lettore.