Con lo status EBA in gioco, Hun Sen afferma che la Cambogia ignorerà le raccomandazioni dell’UE

Con lo status EBA in gioco, Hun Sen afferma che la Cambogia ignorerà le raccomandazioni dell’UE

Radio Free Asia Khmer Service, 12 Dicembre 2019 – Mercoledì il Primo Ministro cambogiano Hun Sen ha ribadito la sua posizione secondo cui il paese non aderirà alle raccomandazioni dell’Unione europea in materia di diritti umani e governance semplicemente per preservare lo status del paese nell’ambito del programma Tutto Tranne le Armi (EBA) con il blocco commerciale.

 

L’UE sta attualmente valutando la possibilità di escludere la Cambogia dal programma EBA che offre ai paesi in via di sviluppo un accesso senza dazi ai mercati europei per tutti i prodotti tranne le armi.

 

In un rapporto preliminare del 12 novembre, l’UE aveva avvertito la Cambogia di non aver adottato misure sufficienti per prevenire la perdita dei suoi privilegi commerciali speciali, rilevando l’ulteriore deterioramento dei diritti civili, politici, lavorativi, sociali e culturali nel paese dal lancio di un processo di revisione a febbraio. La Cambogia ha tempo fino a giovedì per rispondere al rapporto. A quel punto l’UE lo finalizzerà e prenderà una decisione nel febbraio 2020 sull’eventuale revoca dello status EBA.

 

Parlando durante una cerimonia di laurea a Phnom Penh mercoledì,  Hun Sen ha dichiarato di non essere interessato alla scadenza di giovedì, e che non può impegnarsi al 100 percento sulla questione. Il Primo Ministro ha affermato che se l’UE dovesse revocare lo status EBA dalla Cambogia, non solo avrebbe un impatto negativo sul paese, ma toglierebbe anche la leva politica di cui l’UE dispone a Phnom Penh. “Ciò che [l’EBA] ha fatto per noi sarà sprecato. La leva [dell’UE] sarà ridotta. Significa che aiuteranno anche [loro] ad uccidere l’opposizione,” ha detto.

 

I problemi di Hun Sen con la politica commerciale dell’UE sono iniziati quando nel 2017 Kem Sokha, Presidente del Partito di Salvezza Nazionale della Cambogia (CNRP), fu arrestato con l’accusa di “tradimento” e il suo partito bandito. Rong Chhun, Presidente della Confederazione cambogiana dei sindacati, ha dichiarato al servizio Khmer della RFA che il commento di Hun Sen dimostra in realtà la sua preoccupazione circa l’eventuale perdita dello status EBA.

 

Rong Chhun ha esortato Hun Sen a risolvere i problemi con l’UE per assicurarsi che la Cambogia continuerà a ricevere i benefici dell’EBA per il bene del popolo: “Se perdiamo l’EBA, [Hun Sen] continuerà a ricevere più sanzioni internazionali che porteranno la Cambogia ad una crisi sociale ed economica.”

 

La risposta di Sam Rainsy

Il leader dell’opposizione Sam Rainsy, in visita negli Stati Uniti, ha dichiarato a RFA che se il Governo di Hun Sen ignorasse le raccomandazioni dell’UE fino a febbraio, i lavoratori, e la gente in generale, protesterebbero contro il Governo cambogiano. “Hun Sen non vuole cambiare. L’UE vuole che Hun Sen si comporti in un certo senso per il suo stesso bene e per il bene della Cambogia. Ma ora Hun Sen rifiuta [di attuare le raccomandazioni], il che porterà a sanzioni internazionali. Dobbiamo tutti protestare e affermare che tutti abbiamo bisogno della libertà [se vogliamo] evitare le sanzioni; se manteniamo il regime di Hun Sen non ci sarà né libertà né lavoro.

Faccio appello alle forze armate affinché fermino il regime di Hun Sen. Il suo regime ha causato questa perdita per il paese.” Ha aggiunto che le sanzioni causeranno anche il deterioramente della reputazione della Cambogia sulla scena mondiale. “Ora il nostro leader è un criminale e stiamo perdendo la faccia, dobbiamo ribellarci per rovesciare questo regime,” ha detto.

 

Sam Rainsy ha riferito a RFA di aver incontrato funzionari del Dipartimento di Stato e diversi membri del Congresso che stanno attentamente seguendo la situazione in Cambogia, così come rappresentanti del National Democratic Institute (NDI) e dell’International Republican Institute (IRI).

 

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *