Far pagare la miseria: le milizie libiche prendono i fondi UE per i migranti

Far pagare la miseria: le milizie libiche prendono i fondi UE per i migranti

Maggie Michael, Lori Hinnant e Renata Brito per ASSOCIATED PRESS NEWS 

Tripoli, 31 dicembre 2019 — Quando l’Unione europea ha iniziato a immettere milioni di euro in Libia per rallentare la marea di migranti che attraversano il Mediterraneo, i soldi sono arrivati con le promesse dell’UE di migliorare i centri di detenzione noti per gli abusi e combattere la tratta di esseri umani.

Questo non è accaduto. Invece, un’indagine della Associated Press (AP) per il Pulitzer Center rivela come la miseria dei migranti in Libia abbia generato una rete fiorente e altamente redditizia di imprese finanziate in parte dall’UE e abilitate dalle Nazioni Unite. L’UE ha inviato oltre 327,9 milioni di euro in Libia, con altri 41 milioni approvati all’inizio di dicembre, in gran parte canalizzati attraverso le agenzie ONU. L’AP ha scoperto che in un paese senza governo funzionante, ingenti somme di denaro europeo sono state dirottate verso reti intrecciate di miliziani, trafficanti e membri della guardia costiera che sfruttano i migranti. In alcuni casi, secondo le email interne, i funzionari delle Nazioni Unite sapevano che le reti delle milizie stavano ottenendo i soldi. 

Sotto il naso delle Nazioni Unite, le milizie torturano, estorcono e altrimenti abusano i migranti per ricattarli nei centri di detenzione, spesso all’interno di strutture che ricevono milioni di soldi europei, rivela l’indagine AP. Molti migranti inoltre scompaiono semplicemente dai centri di detenzione, venduti ai trafficanti o ad altri centri.

Le stesse milizie cospirano con alcuni membri delle unità della guardia costiera libica. La guardia costiera ottiene addestramento e attrezzature dall’Europa per tenere lontani i migranti dalle sue coste. Ma i membri della guardia costiera riportano alcuni migranti nei centri di detenzione tramite accordi con le milizie, ha scoperto l’AP, ricevendo tangenti per farne passare altri sulla rotta verso l’Europa.

Le milizie coinvolte negli abusi e nel traffico si impossessano anche di una parte dei fondi europei forniti attraverso le Nazioni Unite con l’obiettivo di nutrire e aiutare in altro modo i migranti che invece soffrono la fame. Ad esempio, le Nazioni Unite erano in trattativa per dei contratti alimentari di un valore di milioni di euro con una società controllata da un leader delle milizie, anche se altre squadre ONU avevano lanciato allarmi sulla fame nel centro di detenzione da lui gestito, secondo le email ottenute dall’AP e interviste con almeno sei funzionari libici.

In molti casi, il denaro va nella vicina Tunisia per essere riciclato, e poi torna dalle milizie in Libia.

La storia di Prudence Aimée e la sua famiglia mostra in modo eloquente come vengono sfruttati i migranti in ogni fase del loro viaggio attraverso la Libia. Aimée lasciò il Camerun nel 2015, e quando i suoi familiari non ebbero sue notizie per un anno, pensarono che fosse morta. Ma era in detenzione incommunicado. Ha raccontato a AP come nei nove mesi al centro di detenzione di Abu Salim, ha visto come venivano saccheggiati il “latte dell’Unione europea” e i pannolini consegnati dal personale ONU prima che potessero raggiungere i bambini migranti, incluso suo figlio piccolo. Aimée stessa avrebbe trascorso due giorni alla volta senza cibo o bevande. Nel 2017, un uomo arabo venne a trovarla con una sua foto sul telefono. “Chiamarono la mia famiglia e dissero che mi avevano trovato. Allora la mia famiglia ha inviato denaro.” Piangendo, Aimée racconta che la sua famiglia pagò un riscatto equivalente a $670 per farla uscire dal centro. Non sapeva dire chi fosse stato il beneficiario del denaro. Fu trasferita in un magazzino informale e alla fine fu venduta ad un altro centro di detenzione, dove un altro riscatto – questa volta $750 – dovette essere pagato dalla sua famiglia. Finalmente i suoi rapitori liberarono la giovane madre che salì su una barca che superò la pattuglia della guardia costiera, dopo che suo marito aveva pagato ulteriori $850 per il passaggio. Una nave umanitaria ha salvato Aiméè, ma suo marito rimane in Libia. Aimée è una degli oltre 50 migranti intervistati dall’AP in mare, in Europa, Tunisia e Ruanda, e in messaggi furtivi dall’interno dei centri di detenzione in Libia. I giornalisti hanno anche parlato con funzionari del governo libico, operatori umanitari e uomini d’affari a Tripoli, ottenuto email interne delle Nazioni Unite e analizzato documenti di bilancio e contratti.

La questione della migrazione ha sconvolto l’Europa dall’afflusso di oltre un milione di persone nel 2015 e 2016, che fuggivano dalla violenza e dalla povertà nel Medio Oriente, in Afghanistan e in Africa. Nel 2015, l’UE ha istituito un fondo destinato a frenare la migrazione dall’Africa, da cui viene anche il denaro destinato alla Libia dove l’UE fornisce i soldi principalmente attraverso l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) delle Nazioni Unite e l’Alto Commissario ONU per Rifugiati (UNHCR). Ma la Libia è afflitta dalla corruzione e dalla guerra civile. L’ovest, compresa la capitale Tripoli, è governato da un governo mediato dalle Nazioni Unite, mentre l’est è sotto il controllo del comandante dell’esercito Khalifa Haftar. Il caos è ideale per i profittatori che fanno soldi sui migranti. I documenti dell’UE stessa mostrano che era pienamente a conoscenza dei pericoli di appaltare efficacemente la sua crisi migratoria alla Libia. Già nel 2017 i documenti di bilancio per un esborso di 90 milioni di euro avvertivano di un rischio medio-alto che il sostegno europeo avrebbe portato a maggiori violazioni dei diritti umani dei migranti e che il governo libico avrebbe negato l’accesso ai centri di detenzione. Una recente valutazione dell’UE ha rilevato che il mondo avrebbe probabilmente avuto la “percezione sbagliata” che il denaro europeo facesse da sostegno agli abusi.

Nonostante i loro rispettivi ruoli attuali nel sistema di detenzione in Libia, sia l’UE che le Nazioni Unite affermano di voler chiudere i centri. In una dichiarazione all’AP, l’UE ha affermato che, in base al diritto internazionale, non è responsabile di ciò che accade all’interno dei centri. “Le autorità libiche devono fornire ai rifugiati e ai migranti detenuti cibo adeguato e di qualità, garantendo nel contempo che le condizioni nei centri di detenzione rispettino gli standard internazionali concordati,” afferma la dichiarazione. L’UE afferma inoltre che oltre la metà dei fondi del suo fondo per l’Africa viene utilizzata per aiutare e proteggere i migranti e che fa affidamento sulle Nazioni Unite per spendere saggiamente il denaro.

L’ONU ha affermato che la situazione in Libia è estremamente complessa e che deve collaborare con chiunque gestisca i centri di detenzione per preservare il suo accesso ai migranti vulnerabili. “L’UNHCR non sceglie i suoi omologhi,” ha dichiarato Charlie Yaxley, portavoce dell’agenzia ONU per i rifugiati. “Alcuni presumibilmente hanno anche alleanze con le milizie locali.” Dopo due settimane di ripetute richieste da parte dell’AP, l’UNHCR ha dichiarato che cambierà la sua politica di assegnazione di contratti alimentari e di aiuto per i migranti attraverso intermediari. “In parte a causa del crescente conflitto di Tripoli e del possibile rischio per l’integrità del programma dell’UNHCR, l’UNHCR ha deciso di contrattare direttamente per questi servizi a partire dal 1° gennaio 2020,” ha affermato Yaxley.

Julien Raickman, che fino a poco tempo fa era a capo della missione libica del gruppo di aiuto Medici senza frontiere, ritiene che il problema inizi con la riluttanza dell’Europa a occuparsi della politica migratoria: “Se si dovessero trattare i cani in Europa nel modo in cui vengono trattate queste persone, sarebbe considerato un problema sociale.”

ESTORSIONI DENTRO I CENTRI DI DETENZIONE

In ogni dato momento, circa 5.000 migranti in Libia sono affollati tra 16 e 23 centri di detenzione. La maggior parte sono concentrati nell’ovest del paese dove le milizie sono più potenti del debole governo appoggiato dalle Nazioni Unite.

Gli aiuti destinati ai migranti servono a sostenere il centro di detenzione dei Martiri di al-Nasr, come la milizia che lo controlla, nella città costiera occidentale di Zawiya. Lì l’IOM mantiene un ufficio temporaneo per i controlli medici sui migranti, e il suo personale e quello dell’UNHCR visitano regolarmente il complesso.

Eppure i migranti nel centro vengono torturati per ottenere i riscatti per la loro liberazione e poi venduti per più soldi ancora, solo per essere intercettati in mare dalla guardia costiera e riportati al centro, come hanno riportato più di una dozzina di migranti, soccorritori e funzionari libici, e gruppi europei per i diritti umani. Anche un rapporto UNHCR del 2018 ha notato le accuse e il capo della milizia, Mohammed Kachlaf, è soggetto a sanzioni ONU per il traffico di esseri umani. Kachlaf, altri leader delle milizie nominati dall’AP e dalla guardia costiera libica non hanno risposto alle richieste di commento.

Molti migranti ricordano di essere torturati con tubi elettrificati e assi di legno. Hanno anche sentito le urla di altri emergere dai blocchi di detenzione vietati agli operatori umanitari delle Nazioni Unite.

Eric Boakye, un ghanese, è stato rinchiuso nel centro dei Martiri di al-Nasr per due volte, entrambe le volte dopo essere intercettato in mare, l’ultima volta circa tre anni fa. La prima volta, i suoi carcerieri gli hanno semplicemente preso i soldi e lo hanno liberato. Tentò di nuovo di attraversare e fu ripreso dalla guardia costiera e restituito ai suoi carcerieri. “Mi hanno tagliato la schiena con un coltello e mi hanno picchiato con dei bastoncini,” disse, sollevando la camicia per mostrare le cicatrici che gli ricoprivano la schiena. “Ogni giorno ci picchiavano per chiamare la nostra famiglia chiedendo loro di inviare denaro.” Il nuovo prezzo per la libertà: circa $ 2.000. Questo era più di quanto la sua famiglia potesse mettere insieme. Alla fine Boakye riuscì a fuggire. Ha fatto piccoli lavori per un po’ di tempo per risparmiare denaro, poi ha cercato di attraversare di nuovo. Al suo quarto tentativo, fu prelevato dalla nave umanitaria Ocean Viking per essere portato in Italia. Complessivamente, Boakye ha pagato $ 4.300 per uscire dalla Libia.

Fathi al-Far, capo dell’agenzia internazionale di soccorso e sviluppo al-Nasr, che opera al centro e ha legami con la milizia, nega che i migranti siano maltrattati. Ha incolpato la “disinformazione” sui migranti che esagerano le cose nel tentativo di ottenere asilo. “Non sto dicendo che è un paradiso, abbiamo delle persone che non hanno mai lavorato prima con i migranti, non sono addestrati.” Ma ha definito il centro di detenzione dei Martiri di al-Nasr “il più bello del paese”.

Almeno cinque ex detenuti hanno mostrato ad un giornalista di AP le cicatrici causate dalle ferite al centro, che secondo loro sono state inflitte da guardie o chi cerca di ottenere riscatti dalle loro famiglie. Un uomo aveva ferite da proiettili su entrambi i piedi e un altro aveva tagli da lama affilata sulla schiena. Tutti riferirono che dovevano pagare per uscire.

Cinque o sette persone vengono liberate ogni giorno dopo aver pagato da $1.800 a $8.500 ciascuno, hanno detto gli ex migranti. Secondo loro, ad al-Nasr la milizia ottiene circa $14.000 ogni giorno dai riscatti; a Tarik al-Sikka, un centro di detenzione di Tripoli, la somma è più vicina ai 17.000 dollari al giorno. Basavano le loro stime su ciò che loro e altri detenuti con loro avevano pagato, raccogliendo denaro da familiari e amici.

Le milizie fanno anche soldi vendendo gruppi di migranti, che spesso scompaiono semplicemente da un centro. Un’analisi commissionata dall’UE e pubblicata all’inizio di questo mese dal Global Initiative Against Transnational Organized Crime ha rilevato che i centri di detenzione traggono profitto dalla vendita di migranti tra loro e ai trafficanti, nonché alla prostituzione e al lavoro forzato. Centinaia di migranti quest’anno che sono stati intercettati in mare e portati nei centri di detenzione erano scomparsi quando i gruppi di aiuti internazionali avevano effettuato le visite, secondo Medici senza frontiere. Non c’è modo di dire dove siano andati, ma MSF sospetta che siano stati venduti a un altro centro di detenzione o ai trafficanti. Un’ex guardia del centro di Khoms ha ammesso all’AP che i migranti venivano spesso sequestrati in gran numero da uomini armati con pistole antiaerei e lanciarazzi. Ha detto che non poteva impedire ai suoi colleghi di abusare dei migranti o ai trafficanti di portarli fuori dal centro. “Non voglio ricordare cosa è successo,” ha detto. L’IOM era presente a Khoms, ha osservato, ma il centro ha chiuso l’anno scorso.

Un uomo ancora detenuto nel centro dei Martiti di al-Nasr ha detto che i libici arrivano spesso nel cuore della notte per prendere le persone. Due volte quest’autunno, ha detto, hanno cercato di caricare un gruppo per lo più di donne in un piccolo convoglio di veicoli, ma hanno fallito perché i detenuti del centro si sono ribellati. I combattimenti hanno travolto Zawiya la scorsa settimana, ma i migranti sono rimasti rinchiusi nel centro dei Martiri di al-Nasr, che viene utilizzato anche per il deposito delle armi.

TRAFFICO E INTERCETTAZIONE IN MARE

Anche quando i migranti pagano per essere rilasciati dai centri di detenzione, raramente sono liberi. Invece, le milizie li vendono ai trafficanti, che promettono di portarli attraverso il Mediterraneo verso l’Europa per una tassa aggiuntiva. Questi trafficanti lavorano fianco a fianco con alcuni membri della guardia costiera, ha scoperto l’AP. La guardia costiera libica è supportata sia dalle Nazioni Unite che dall’UE. L’IOM sottolinea la sua collaborazione con la guardia costiera nella sua home page sulla Libia. Dal 2017 l’Europa ha speso oltre 90 milioni di euro per l’addestramento e barche più veloci per la guardia costiera libica per impedire ai migranti di finire in Europa.

Questo autunno, l’Italia ha rinnovato un protocollo d’intesa con la Libia per sostenere la guardia costiera con addestramento e navi, e ha consegnato 10 nuovi motoscafi in Libia a novembre.

Nei documenti interni ottenuti a settembre dal gruppo europeo Statewatch, il Consiglio europeo ha descritto la guardia costiera come “operativa in modo efficace, confermando così il processo realizzato negli ultimi tre anni”. La guardia costiera libica afferma di aver intercettato quasi 9.000 persone nel 2019 lungo il percorso verso l’Europa e riportati in Libia quest’anno, dopo aver silenziosamente esteso la sua zona di salvataggio costiera a 100 miglia al largo con l’incoraggiamento europeo.

Ciò che non è chiaro è la frequenza con cui le milizie pagano la guardia costiera per intercettare queste persone e riportarle nei centri di detenzione – il business descritto da oltre una dozzina di migranti nella struttura dei Martiri di al-Nasr a Zawiya.

L’unità della guardia costiera di Zawiya è comandata da Abdel-Rahman Milad, contro il quale ci sono sanzioni da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per traffico di esseri umani. Tuttavia, quando i suoi uomini intercettano le barche che trasportano i migranti, contattano il personale delle Nazioni Unite nei punti di sbarco per controlli medici rapidi. 

Nonostante le sanzioni e un mandato di arresto nei suoi confronti, Milad rimane libero perché ha il sostegno della milizia di al-Nasr. Nel 2017, prima delle sanzioni, Milad è volato addirittura a Roma, insieme a un leader della milizia, Mohammed al-Khoja, come parte di una delegazione libica per un incontro sulla migrazione sponsorizzato dalle Nazioni Unite. In risposta alle sanzioni, Milad ha negato qualsiasi legame con il traffico di esseri umani e ha affermato che i trafficanti indossano uniformi simili a quelle dei suoi uomini.

I migranti nominarono almeno altre due operazioni lungo la costa, a Zuwara e Tripoli, che secondo loro operano sulla stessa linea di quelle di Milad. Nessuno dei due centri ha risposto alla richieste di commento. L’IOM ha riconosciuto all’AP che deve lavorare con partner che potrebbero avere contatti con le milizie locali. “Senza questi contatti sarebbe impossibile operare in quelle aree e per l’IOM di fornire servizi di sostegno ai migranti e alla popolazione locale,” ha dichiarato la portavoce dell’IOM Safa Msehli. “La mancata fornitura di tale supporto avrebbe aggravato la miseria di centinaia di uomini, donne e bambini.”

La storia di Abdullah, un uomo sudanese che ha fatto due tentativi di fuggire dalla Libia, mostra quanto sia davvero redditizio i ciclo della tratta e dell’intercettazione. Tutto sommato, il gruppo di 47 persone nella sua prima traversata da Tripoli più di un anno fa aveva pagato un libico in uniforme e i suoi compari $127.000 in un mix di dollari, euro e dinari libici per la possibilità di lasciare il loro centro di detenzione e attraversare con due barche. Furono intercettati da una nave della guardia costiera dallo stesso libico in uniforme, derubati dai loro telefoni cellulari e altro denaro e ricacciati in prigione. “Gli abbiamo parlato e chiesto, perché ci hai fatto uscire e poi ci ha riarrestati”, ha detto Abdullah, che ha chiesto che fosse usato solo il suo nome per paura di ritorsioni. “Ha picchiato due di noi per averlo chiesto.” Abdullah è poi finito nel centro di detenzione dei Martiri di al-Nasr, dove ha appreso il nuovo listino prezzi per il rilascio e un tentativo di attraversamento basato sulla nazionalità: Etiopi, $5.000; Somali $6.800; Marocchini e Egiziani, $8.100; e infine per i Bengalesi, un minimo di $18.500. A tutto campo, le donne pagano di più. Abdullah ha messo insieme un altro pagamento di riscatto e un’altra tassa di attraversamento. Lo scorso luglio, lui e altri 18 persone hanno pagato un totale di $48.000 per una barca con un motore malfunzionante che si è bloccato dopo poche ore. Dopo alcuni giorni bloccati in mare al largo della costa libica sotto un sole torrido, gettarono un morto in mare e attesero che le loro stesse vite finissero. Invece, furono salvati il nono giorno in mare dai pescatori tunisini, che li riportarono in Tunisia. “Ci sono solo tre modi per uscire dalla prigione: scappi, paghi il riscatto o muori,” ha detto Abdullah, riferendosi al centro di detenzione. Complessivamente, Abdullah ha speso un totale di $3.300 per lasciare i centri di detenzione della Libia e prendere la via del mare. Finì a malapena a 100 miglia di distanza.

A volte i membri della guardia costiera fanno soldi facendo esattamente ciò che l’UE vuole che impediscano: far passare i migranti, secondo Tarik Lamloum, il capo dell’organizzazione libica per i diritti umani Beladi. I trafficanti pagano alla guardia costiera una bustarella di circa $10.000 per ogni imbarcazione a cui è consentito il passaggio, con circa 5-6 imbarcazioni che varano in un momento quando le condizioni sono favorevoli, ha detto.

Il capo del Dipartimento libico per la lotta alla migrazione irregolare (DCIM), l’agenzia responsabile dei centri di detenzione sotto il Ministero degli Interni, ha riconosciuto la corruzione e la collusione tra le milizie, la guardia costiera e i trafficanti, e persino all’interno del governo stesso.

“Sono tutti in collusione tra di loro, incluse delle persone della mia stessa agenzia,” ha detto Al Mabrouk Abdel-Hafez.

Oltre all’abuso diretto dei migranti, la rete della milizia beneficia anche dei fondi UE mandati per il cibo e la sicurezza, inclusi quelli destinati ad un centro per migranti gestito dalle Nazioni Unite, secondo più di una dozzina di funzionari e soccorritori in Libia e la Tunisia, nonché le email interne e i verbali delle riunioni delle Nazioni Unite visti da Associated Press. 

Un audit a maggio dell’UNHCR, l’agenzia ONU responsabile per il centro, ha riscontrato una mancanza di controllo e assunzione di responsabilità a quasi tutti i livelli di spesa nella missione in Libia. L’audit ha identificato pagamenti inspiegabili in dollari americani a società libiche e consegne di merci che non sono mai state verificate. 

Nel dicembre 2018, durante il periodo osservato nel corso dell’audit, le Nazioni Unite hanno lanciato il loro centro per i migranti a Tripoli, noto come il Gathering and Departure Facility (GDF), come “alternativa alla detenzione”. Per i destinatari dei contratti di servizi, inviati tramite l’agenzia governativa libica LibAid, è stata come manna dal cielo. 

Milioni di euro di contratti per aiuti alimentari e ai migranti sono andati ad almeno una azienda collegata ad al-Khoja, il leader della milizia volato a Roma per l’incontro delle Nazioni Unite sulla migrazione, secondo le email interne dell’ONU viste dall’AP, due altri funzionari libici e un operatore umanitario internazionale. Al-Khoja è anche vicedirettore del DCIM, l’agenzia governativa responsabile dei centri di detenzione. 

Uno dei funzionari libici ha visto il contratto di catering multimilionario con una società di nome al-Watan, o la Terra della Nazione, controllata da al-Khoja.

“Riteniamo che questo sia il feudo di al-Khoja. Lui controlla tutto. Chiude e apre le porte,” ha affermato un ex funzionario del centro delle Nazioni Unite che, come altri funzionari libici, ha parlato in modo anonimo per paura della propria sicurezza. Ha detto che al-Khoja ha usato sezioni del centro ONU per addestrare i suoi combattenti della milizia e ha costruito un appartamento di lusso all’interno.

Anche mentre venivano negoziati i contratti per il centro ONU, dicono i funzionari libici, tre agenzie governative libiche stavano indagando su al-Khoja in relazione alla scomparsa di $570 milioni dalle spese del governo stanziate per alimentare i migranti nei centri di detenzione nell’ovest.

All’epoca, al-Khoja gestiva già un altro centro per migranti, Tarik al-Sikka, noto per gli abusi tra cui pestaggi, lavori forzati e un massiccio piano di riscatti. Tekila, un rifugiato eritreo, ha affermato che per due anni a Tarik al-Sikka, lui e altri migranti sono sopravvissuti su un dieta di maccheroni, anche quando era uno tra le 25 persone affette da tuberculosi, una malattia esacerbata dalla malnutrizione. Tekila ha chiesto che fosse usato solo il suo nome per ragioni di sicurezza. “Quando c’è poco cibo, non c’è altra scelta che andare a dormire,” ha detto.

Nonostante le email interne delle Nazioni Unite che avvertano di una grave malnutrizione all’interno di Tarik al-Sikka, a febbraio e marzo 2018 i funzionari delle Nazioni Unite hanno ripetutamente visitato il centro di detenzione per negoziare la futura apertura del GDF. AP ha visto le email di conferma che entro il luglio 2018, il capo missione dell’UNHCR era stato informato che le società controllate dalla milizia di al-Khoja avrebbero ricevuto subappalti per i servizi. 

Yaxley, il portavoce dell’UNHCR, ha sottolineato che i funzionari con cui lavora l’agenzia sono “tutti sotto l’autorità del Ministero degli Interni”. Ha detto che l’UNHCR monitora le spese per assicurarsi che vengano seguite le sue regole standard e che in caso contrario possa trattenere i pagamenti.

Un alto funzionario di LibAid, l’agenzia governativa libica che gestisce il centro con l’ONU, ha dichiarato che i contratti valgono almeno $7 milioni per la ristorazione, la pulizia e la sicurezza, e 30 dei 65 dipendenti di LibAid erano essenzialmente impiegati fantasma presenti sul libro paga, ma mai visti di persona. Il centro ONU era “un tesoro”, ha lamentato l’alto funzionario. “Non era possibile operare mentre si è circondati dalle milizie di Tripoli. Era una grande scommessa.”

Una comunicazione interna dell’ONU dei primi mesi del 2019 mostra che era a conoscenza del problema. La nota rivela un alto rischio che il cibo per il centro ONU fosse deviato alle milizie, dato l’importo previsto rispetto a quello che i migranti stavano mangiando. 

In generale nel bilancio sono previsti circa 50 dinari, ovvero $35, a detenuto al giorno per cibo e altri beni essenziali per tutti i centri, secondo due funzionari libici, due proprietari di aziende di ristorazione e un operatore umanitario internazionale. Di questo, solo circa 2 dinari vengono effettivamente spesi per i pasti, secondo i loro calcoli approssimativi e le descrizioni dei migranti.

Nonostante le indagini su al-Khoja, Tarik al-Sikka e un altro centro di detenzione hanno condiviso una sovvenzione di 996.000 euro dall’UE e dall’Italia a febbraio.

Nel centro di Zawiya, le merci di emergenza consegnate dalle agenzie ONU finivano a “metà per i detenuti, metà per gli impiegati,” dice Orobosa Bright, un nigeriano che è stato detenuto tre volte per un totale di 11 mesi. Molti dei beni finiscono anche sul mercato nero libico, affermano funzionari libici e operatori umanitari internazionali.

La portavoce dell’IOM ha affermato che “la diversione degli aiuti è una realtà” in Libia e non solo, e che l’agenzia fa del suo meglio. Msehli ha detto che se accade regolarmente, l’IOM sarà costretto a rivalutare i suoi supporti ai centri di detenzione “nonostante la consapevolezza che qualsiasi riduzione di questa assistenza salvavita aggiungerà alla miseria dei migranti.”

Nonostante la corruzione, il sistema di detenzione in Libia si sta ancora espandendo in alcuni punti, con soldi dall’Europa. In un centro di detenzione di Sabaa dove i migranti patiscono già la fame, sono stati costretti a costruire un’altra ala finanziata dal governo italiano, ha affermato Lamloum, l’operatore umanitario libico. Il governo italiano non ha risposto a una richiesta di commento. Lamloum ha inviato una foto della nuova prigione. Non ha finestre.

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *