Sam Rainsy : La Cambogia sta criminalizzando la democrazia

di Sam Rainsy su Project Syndacate

Non può esserci democrazia senza un’opposizione credibile, e nella Cambogia di oggi, non può esserci opposizione credibile senza il Partito di salvezza nazionale della Cambogia. È quindi fondamentale che la comunità internazionale non consenta al Primo Ministro Hun Sen di usare accuse di tradimento inventate per reprimere il CNRP. 

PARIGI – A Phnom Penh è in corso il falso processo a Kem Sokha, leader delPartito di salvezza nazionale della Cambogia (CNRP). Il modo in cui risponde la comunità internazionale invierà un segnale forte a Hun Sen, il primo ministro in carica da più tempo al mondo, sulla sua capacità di continuare a calpestare la democrazia della Cambogia e i diritti umani dei suoi cittadini.

Dopo che Kem Sokha e io abbiamo fondato il CNRP, il primo partito dell’opposizione democratica cambogiana, nel 2012, abbiamo rapidamente ottenuto un forte sostegno pubblico. Sia nelle elezioni politiche del 2013 sia nelle elezioni comunali del 2017, il CNRP ha ottenuto quasi la metà dei voti, nonostante la sistematica propensione strutturale a favore del Partito popolare cambogiano (CPP) al potere. Terrorizzato dall’ovvia minaccia che il CNRP rappresentava per il suo governo, Hun Sen cercava un pretesto per schiacciarci. Quindi, nel 2017, quando ero ancora il leader del CNRP, ha proposto un emendamento che impedirebbe a “criminali condannati” di guidare un partito politico – un chiaro tentativo di utilizzare la serie di condanne per motivi politici sul mio casellario giudiziale per screditare il CNRP. Per impedirgli di avere successo, mi sono dimesso da capo del CNRP nel febbraio 2017, lasciando Kem Sokha, con la fedina penale pulita, al comando. Ciò non ha fermato Hun Sen. Sette mesi dopo le mie dimissioni, il suo governo ha semplicemente fabbricato accuse di tradimento contro Kem Sokha. Nel giro di due mesi, il CNRP è stato sciolto dalla magistratura fedele a Hun Sen. (Sia nel 2018 che nel 2019, la Cambogia si è classificata penultima nell’Indice sullo stato di diritto del World Justice Project.) Il fatto che un’indagine di due anni su Kem Sokha non ha prodotto un briciolo di prove contro di lui è, apparentemente, irrilevante. Ma Hun Sen sa che un partito è più del suo status ufficiale; è la sua gente. Quindi, invece, per esempio, di affrontare l’estrema povertà in cui vive un’enorme percentuale di cambogiani, ha incanalato la sua energia e le risorse del governo per mantenere Kem Sokha e me separati e facendo pressione sui sostenitori del CNRP per farli disertare. Oggi a Kem Sokha è vietato lasciare il Paese e a me è proibito entrarci. L’ultima volta che ho provato a farlo a novembre, Hun Sen ha emesso una direttiva che proibiva alle compagnie aeree commerciali che servono la Cambogia di consentirmi di salire a bordo e minacciando “gravi conseguenze” per chiunque avesse sfidato il divieto. Ha inoltre convinto la Thailandia ad impedirmi di volare a Bangkok, per impedirmi di attraversare la Cambogia via terra. La disperazione di Hun Sen di tenermi fuori dalla Cambogia tradisce la debolezza della sua posizione. L’ho sfidato molte volte a processare me invece di Kem Sokha, ma teme la risposta nazionale e internazionale al mio arresto e processo tanto quanto teme il sostegno che riceverei se mi permettesse di muovermi liberamente in Cambogia. Oltre il 90% dei 5.007 consiglieri locali del CNRP eletti nel 2017 ha rinunciato alle proprie posizioni, piuttosto che disertare per entrare nel CPP. Allo stesso modo, oltre il 90% dei 118 principali esponenti del CNRP che il regime di Hun Sen ha bandito dalla politica ha rifiutato di scambiare la propria fedeltà politica per il ripristino dei propri diritti politici. Anche i sostenitori del CNRP – che rappresentano quasi la metà della popolazione della Cambogia – rimangono fedeli, nonostante la minaccia di molestie, arresti o esilio forzato. Alle elezioni nazionali del 2018, hanno rifiutato di appoggiare uno qualsiasi dei partiti di “opposizione” approvati dal CPP. Non avrebbero mai lasciato che il CPP facesse finta che l’assemblea nazionale – composta esclusivamente dai membri del CPP – fosse in qualche modo giusta o rappresentativa. Come quelle elezioni finte, il finto processo di Kem Sokha andrà avanti. Molto probabilmente verrà dichiarato colpevole e poi gli verrà concesso un perdono reale dal re Norodom Sihamoni, su richiesta di Hun Sen. Il perdono è fondamentale per evitare qualsiasi appello o, peggio ancora, assoluzione – un risultato che svelerebbe l’inganno del governo e lo costringerebbe a ripristinare il CNRP. Il rilascio di Kem Sokha perdonato, al contrario, sosterrebbe la storia che il governo di Hun Sen aveva ragione su di lui e sul CNRP. Non può esserci democrazia senza un’opposizione credibile e nella Cambogia di oggi non può esserci opposizione credibile senza il CNRP. Rilasciare Kem Sokha con una fedina penale rovinata da menzogne politicamente motivate che forniscono un pretesto per mantenere il divieto del CNRP non solo non consentirebbe di promuovere la democrazia; accelererebbe la discesa della Cambogia nell’autoritarismo. Le democrazie del mondo non devono cadere nella farsa di Hun Sen. L’Unione europea sta prendendo in considerazione la revoca dell’accesso esente da tariffe per le esportazioni cambogiane. Anche altri devono chiarire che la Cambogia dovrà affrontare conseguenze a meno che le autorità non prontamente abbandonino tutte le accuse contro Kem Sokha, reintegrino il CNRP sotto la sua guida e tengano elezioni libere ed eque. La democrazia non richiede niente di meno.

Posted in:
About the Author

Maurizio Turco

Segretario del Partito Radicale. Militante dal 1979, eletto per la prima volta nel Consiglio del Partito Radicale nel 1983. E' stato, tra l’altro, Presidente dei deputati radicali al Parlamento europeo e coordinatore degli eletti radicali alla Camera dei Deputati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *