Nessun errore: la Polonia e l’Ungheria non sono gli unici Stati dell’UE ad abusare del diritto

Nessun errore: la Polonia e l’Ungheria non sono gli unici Stati dell’UE ad abusare del diritto

I paesi dalla Gran Bretagna alla Grecia sono responsabili del declino democratico. E ciò minaccia l’integrità della stessa Unione europea.

Agata Gostyńska-Jakubowska per il The Guardian, 22 gennaio 2020

 

Menzionare preoccupazioni circa lo stato di diritto in alcuni paesi dell’UE e le persone, anche i funzionari dell’UE, presumeranno automaticamente che vi riferite all’Ungheria e alla Polonia. Senza dubbio, lo stato della democrazia in entrambi i paesi è preoccupante. Sostenuti da forti mandati elettorali, i loro partiti al governo di stampo populista interferiscono con l’indipendenza della magistratura e aumentano il controllo statale di altre istituzioni, compresi i media. Ma una tendenza altrettanto preoccupante è meno discussa. Il declino nel rispetto dello stato di diritto si sta verificando altrove nell’UE – in effetti, si tratta di una questione a livello dell’UE e ha il potenziale per minare il funzionamento dell’intero blocco. Nessun errore, la Commissione europea è giustificata nel rispondere agli sviluppi di Varsavia e Budapest. Lì gli sforzi per minare la democrazia liberale sono stati evidenti. L’UE ha risposto lanciando la cosiddetta procedura dell’articolo 7, a volte definita come l’opzione nucleare, poiché alla fine può portare un paese ad essere privato dei suoi diritti di voto. Ha anche perseguito cause legali contro i due stati davanti alla Corte di giustizia europea. Ma ci sono molte prove che emergono da parte di altri stati membri – per non parlare della Brexit, dove Boris Johnson è entrato in conflitto con le corti – che i problemi con lo stato di diritto sono più diffusi. L’indice annuale sullo Stato di diritto del World Justice Project e gli indicatori di governance mondiale della Banca mondiale mostrano un deterioramento in altri paesi dell’UE, tra cui Bulgaria, Francia, Italia e Grecia. In Grecia, la condanna del capo ufficio statistico del paese per la condivisione di dati economici con l’UE che contraddicevano quelle precedentemente utilizzate dal paese per indurre in errore i creditori internazionali, ha gettato un’ombra sul sistema giudiziario. In Italia, i procedimenti giudiziari richiedono più tempo che in qualsiasi altra parte d’Europa, e molti imputati sfuggono alla punizione a causa della prescrizione. Ma la debolezza istituzionale e l’indipendenza giudiziaria non sono gli unici aspetti dello stato di diritto di cui l’UE dovrebbe preoccuparsi. Le autorità francesi hanno risposto agli attacchi terroristici con leggi che conferiscono loro ampi poteri di sorveglianza con poca supervisione giudiziaria, minacciando i diritti fondamentali delle persone. L’indipendenza dei media, vitale per la responsabilità governativa, è sempre più sotto pressione. L’assassinio dei giornalisti investigativi a Malta e in Slovacchia rispettivamente nel 2017 e nel 2018, ha provocato crisi politiche in entrambi i paesi. L’UE dovrebbe adottare un approccio più strutturato per affrontare il cosiddetto declino democratico più di quanto non abbia fatto finora e dovrebbe usare il cd “metodo della carota e bastone”. Dovrebbe iniziare migliorando i suoi metodi di monitoraggio e intervento rapido. Come Ian Bond e io argomentiamo in un nuovo rapporto per il Center for European Reform (Democrazia e stato di diritto: fallimento del partenariato?), lo stato di diritto non dovrebbe essere usato come un argomento Est contro Ovest: tutti gli Stati membri dovrebbero essere trattati equamente. Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea, ha compiuto un passo positivo in questa direzione proponendo una relazione annuale sullo stato dello stato di diritto in tutta l’UE. Ma se tale relazione si dovesse realizzare, dovrebbe basarsi su dati trasparenti e verificabili provenienti da un range di fonti; non dovrebbe essere un caso di governi che determinano da soli i propri compiti. La Commissione dovrebbe sfruttare maggiormente le informazioni fornite dall’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali, da gruppi internazionali come le 47 nazioni del Consiglio d’Europa, con sede a Strasburgo, e da organizzazioni della società civile, alcune delle quali devono operare sotto la forte pressione dei loro governi.

 

Se e quando la Commissione nutrisse preoccupazioni in merito allo stato di diritto, dovrebbe prima offrire al governo dello Stato membro responsabile l’opportunità di affrontare il problema stesso. Un efficace sistema di allarme rapido consentirebbe alla Commissione di convincere i governi a modificare la legislazione che presenta problemi prima dell’entrata in vigore. Ma se uno Stato membro persiste nel violare lo stato di diritto, la Commissione non dovrebbe esitare a chiedere alla Corte di Giustizia europea di ponderare ordinando al paese di sospendere la legislazione o un’attività mentre considera la sua compatibilità con il diritto e i principi dell’UE. La Commissione dovrebbe anche essere preparata ad affrontare le debolezze istituzionali – come i ritardi dei tribunali causati dalla mancanza di giudici – che non sono sempre il risultato di azioni negative da parte dei governi. Il prossimo bilancio a lungo termine dell’UE, che copre il periodo compreso tra il 2021 e il 2027, dovrebbe, ad esempio, assegnare più fondi per aiutare a formare nuovi giudici. I leader dell’UE dovrebbero inoltre investire più denaro per promuovere la comprensione da parte dell’opinione pubblica dell’importanza dello stato di diritto: una maggiore consapevolezza della questione aiuterà a creare istituzioni più forti. Anche i partiti politici paneuropei, come il Partito popolare europeo (PPE), hanno un ruolo da svolgere nel garantire che i loro partiti nazionali rispettino lo stato di diritto. Dovrebbero affrontare le stesse sanzioni se non riescono a espellere i partiti nazionali che infrangono lo stato di diritto. Sono passati 10 mesi da quando il PPE, che è il più grande gruppo del Parlamento europeo, ha dichiarato che prenderà in considerazione il destino del partito al potere ungherese, Fidesz, guidato dal primo ministro del paese, Viktor Orbán, ma non ha ancora intrapreso alcuna azione. I critici spesso accusano l’UE di essere un progetto d’élite, imposto a popolazioni riluttanti. Esiste infatti una crescente tensione tra ciò che i governi eletti democraticamente nei singoli Stati membri pensano che i loro elettori desiderino che facciano, e ciò che i loro tribunali nazionali e le istituzioni dell’UE consentiranno loro di fare. Ma l’UE è una comunità di diritto in cui ogni stato membro applica le norme dell’UE e confida nel fatto che altri faranno lo stesso. L’arretramento democratico di un membro dell’UE mina questa fiducia reciproca e minaccia il funzionamento del mercato unico e dello spazio senza confini di libertà, sicurezza e giustizia. Per il bene di milioni di cittadini europei, che beneficiano di queste politiche, l’UE dovrebbe fare di più per garantire l’applicazione dello stato di diritto in tutti gli Stati membri. •

Agata Gostyńska-Jakubowska è ricercatrice presso il Centre for European Reform di Bruxelles

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *