ONU lancia l’allarme per i livelli senza precedenti di fame nell’Africa meridionale

ONU lancia l’allarme per i livelli senza precedenti di fame nell’Africa meridionale

Donne e bambini maggiori vittime mentre la siccità e il clima estremo lasciano decine di milioni di persone a corto di cibo

Karen McVeigh per THE GUARDIAN, 16 gennaio 2020L’Africa meridionale è alle prese con un’emergenza climatica, con livelli di fame nella regione su una scala mai vista prima, avverte l’ONU.

Anni di siccità, inondazioni diffuse e disordini economici hanno lasciato 45 milioni di persone di fronte a gravi carenze alimentari, con donne e bambini che sopportano il peso della crisi, ha affermato il Programma Alimentare Mondiale (PAM).

 

Lo Zimbabwe sta già affrontando la peggiore emergenza alimentare in un decennio, con 7,7 milioni di persone – metà della popolazione – acutamente insicure dal punto di vista alimentare. Ma ci sono prove che la situazione si è “deteriorata in modo significativo” negli ultimi mesi.

 

Circa il 20% delle persone in Zambia – un cestino del pane regionale – e il Lesotho affrontano un’insicurezza alimentare acuta, così come il 10% della popolazione della Namibia, afferma il PAM. La crisi è stata aggravata dall’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, dalle grandi perdite di bestiamo e dall’aumento della disoccupazione.

 

Le 16 nazioni della Comunità per lo Sviluppo dell’Africa Meridionale, una regione identificata come “punto caldo” climatico dal gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, hanno vissuto solo una normale stagione di crescita negli ultimi cinque anni. Le piogge stagionali sono state in ritardo in molti paesi e gli esperti delle Nazioni Unite prevedono, con un certezza del 60%, che nei prossimi mesi ci sarà un altro pessimo raccolto.

 

Le aree centrali e occidentali sono state colpite dalla peggiore siccità degli ultimi 35 anni durante la stagione di crescita. “La crisi della fame è su una scala che non abbiamo mai visto prima e i dati mostrano che peggiorerà”, ha dichiarato Lola Castro, direttore generale del PAM per l’Africa meridionale. “La stagione annuale dei cicloni è iniziata e semplicemente non possiamo permetterci una ripetizione della devastazione causata dalle tempeste senza precedenti dello scorso anno.”

 

Lo scorso marzo, il ciclone Idai ha colpito Mozambico, Malawi e Zimbabwe, provocando al morte di 900 persone, migliaia di sfollati e oltre 1 milione di persone a corto di cibo. Il ciclone Kenneth colpì il Mozambico sei settimane dopo.

 

“Mentre la nostra priorità più urgente sono i milioni che necessitano di un sostegno immediato, costruire la resilienza dei tanti altri minacciati da siccità e tempeste sempre più frequenti e distruttive è assolutamente essenziale”, ha affermato Castro.

 

Il PAM prevede di fornire assistenza per la stagione magra a 8,3 milioni di persone che lottano con livelli di fame “critici” o di “emergenza” in otto dei paesi più colpiti: Zimbabwe, Zambia, Mozambico, Madagascar, Namibia, Lesotho, Eswatini (ex Swaziland) e Malawi.

Eddie Rowe, direttore nazionale del PAM per lo Zimbabwe, ha dichiarato che l’agenzia ha effettuato la propria valutazione non ufficiale della situazione della sicurezza alimentare la scorsa settimana.

 

I prezzi delle materie prime sono aumentati drasticamente e una rete di “trasportatori” è sorta ai confini, con parenti che spediscono pacchi alimentari dai paesi confinanti allo Zimbabwe, ha detto Rowe. I chioschi per i trasferimenti di denaro sono emersi anche nelle aree rurali, suggerendo che le persone fanno sempre più affidamento sulle rimesse dall’estero, che nel 2018 valevano circa 980 milioni di sterline, ha aggiunto.

 

“Le rimesse stanno attenuando gli effetti del clima, della siccità e della situazione economica”, ha detto Rowe. Ma ha avvertito: “Ci sono chiare indicazioni che la situazione si è notevolmente deteriorata.”

 

Il numero di distretti valutati dal PAM come insicure in termini alimentari è raddoppiato, da 9 ad agosto a 19 oggi. Si ritiene che altri 1,1 milioni di persone debbano affrontare una malnutrizione acuta. “La nostra valutazione non è ufficialmente riconosciuta”, ha affermato Rowe. “Ma si annuncia male. Abbiamo detto al governo che dobbiamo presentare questi dati non ufficiali ai donatori. La nostra preoccupazione è che c’è una probabilità del 60% di vedere un altro raccolto fallito quest’anno.”

 

L’emergenza climatica ha alterato il modo in cui il PAM opera nello Zimbabwe. Negli ultimi tre anni, dopo la siccità di El Niño nel 2015-16, quasi la metà del piano strategico del paese è finalizzato a costruire la resilienza e mitigare l’impatto della crisi climatica.

 

Un programma assicurativo pioneristico fa sì che le persone costruiscano pozzi e schemi di irrigazione in cambio di una copertura assicurativa. Ha raggiunto 1.650 famiglie, per lo più donne. Circa 100.000 persone sono coperte da una polizza asicurativa nazionale da 6 milioni di sterline, acquistatadal governo dello Zimbabwe e dal PAM, per proteggere i più vulnerabili.

 

Ad oggi, il PAM ha assicurato solo 205 milioni di dollari dei $498 milioni necessari per l’Africa meridionale. Se l’organizzazione non riesce a raccogliere l’intero importo, dovrà “assistere meno delle persone più bisognose con meno”, ha affermato il direttore regionale, aggiungendo che senza i finanziamenti non sarebbe possibile espandere le attività per combattere l’emergenza climatica a lungo termine.

 

 

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *