SUMMIT DELL’UNIONE AFRICANA – AGENDA 2063

Il vertice annuale dell’Unione africana è iniziato ad Addis Abeba. Questo 33° vertice ordinario, iniziato il 21 gennaio, durerà fino al 10 febbraio. 

Composto da riunioni statutarie ed eventi collaterali, il vertice si svolge nell’ambito del tema dell’Unione africana per il 2020: Silenziare le Armi – Creare Condizioni Favorevoli allo Sviluppo dell’Africa. Silenziare le Armi è un’aspirazione inclusa nell’Agenda 2063, che nel suo obiettivo 4 prevede un’Africa pacifica e sicura. 

L’Agenda 2063 è il progetto complessivo per trasformare l’Africa in una potenza globale del futuro. E’ il quadro strategico del continente che mira a raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo inclusico e sostenibile, ed è una manifestazione concreta della spinta panafricana verso l’unità, l’autodeterminazione, la libertà, il progresso e la prosperità collettiva perseguita sotto il panafricanismo e il Rinascimento africano. 

La genesi dell’Agenda 2063 è stata la realizzazione da parte dei leader africani della necessità di rifocalizzare l’attenzione dopo la lotta contro l’apartheid e il raggiungimento dell’indipendenza politica per il continente e di privilegiare lo sviluppo sociale ed economico inclusivo, l’integrazione continentale e regionale, la governance democratica e la pace e la sicurezza, tra le altre questioni volte a riposizionare l’Africa affinché diventi un attore dominante nell’arena globale. 

Proponiamo questa visione dell’Africa futura, la Confederazione degli Stati africani, catturata nella lettera scritta dall’ex presidente della Commissione dell’Unione Africana, Nkosazana Dlaminin Zuma, nel 2014:

Laura Harth

Addis-Abeba, 26 gennaio 2014 :

Durante il ritiro ministeriale del Consiglio esecutivo dell’Unione africana, svoltosi dal 24 al 26 gennaio 2014 a Bahir Dar (Etiopia), la presidente della Commissione dell’Unione africana, la dott.ssa Nkosazana Dlamini Zuma, ha descritto la visione dell’Africa tra 50 anni, tramite una “email del futuro”, indirizzata a un ipotetico Kwame nell’anno 2063:

Mio caro amico Kwame,

I miei saluti ai parenti e agli amici, e i miei migliori auguri di buona salute per il 2063.

Ti scrivo dalla bellissima città etiope di Bahir Dar, intorno al lago Tana, mentre concludiamo i preparativi per le celebrazioni per il centenario dell’Organizzazione dell’Unità Africana, diventata Unione africana nel 2002, che ha gettato le basi di quella che è oggi la nostra Confederazione degli Stati africani (CAS).

Sì, chi avrebbe mai pensato che, quando nel 1963 invitarono gli africani a unirsi o perire, il sogno di Kwame Nkrumah e della sua generazione un giorno sarebbe diventato realtà? E che grande realtà!

All’inizio del 21° secolo, eravamo infastiditi dal fatto che gli stranieri consideravano l’Africa come un unico paese: come se non fossimo un continente di oltre un miliardo di abitanti e composto da 55 stati sovrani! Ma l’evoluzione della tendenza mondiale a favore dei blocchi regionali ci ha ricordato che l’integrazione e l’unità sono l’unico modo per l’Africa di sfruttare a pieno il suo vantaggio competitivo. 

In effetti, se l’Africa fosse stato una nazione nel 2006, saremmo stati la decima potenza economica al mondo! Tuttavia, invece di unirci in azione, quando avevamo praticamente tutte le risorse del mondo (terre, oceani, minerali, energia) e avevamo una popolazione di oltre un miliardo di persone, abbiamo agito come cinquantacinque singoli paesi frammentati. I paesi più grandi che avrebbero dovuto essere le locomotive dell’integrazione africana non hanno fatto la loro parte in quel momento, e questo è uno dei motivi per cui ci è voluto così tanto tempo per arrivare a dove siamo oggi. Non abbiamo sfruttato il nostro potere, ma abbiamo fatto affidamento invece su donatori e prestatori di fondi che per eufemismo chiamavamo partner. 

Questo era lo stato delle cose nel 2013. Ora, abbiamo finalmente capito la realtà e abbiamo avuto lunghi dibattiti sulla forma che volevamo dare alla nostra unità: una Confederazione, degli Stati Uniti, una federazione o un sindacato. 

Come puoi vedere, amico mio, questi dibattiti si sono conclusi e la Confederazione degli Stati africani è stata lanciata nel 2051, dodici anni fa. 

Il più interessante è stato il ruolo svolto dalle successive generazioni di giovani africani. Già nel 2013, durante le celebrazioni del Giubileo d’oro, sono stati i giovani a esprimere la loro insofferenza per i lenti progressi verso l’integrazione. Hanno formato dei Club dell’Unione africana in scuole e università in tutto il continente e si sono collegati tra di loro attraverso i social media. Abbiamo quindi assistito a un movimento importante a favore dell’integrazione, della libera circolazione delle persone, dell’armonizzazione dell’istruzione e delle qualifiche professionali. L’Università panafricana, il settore accademico e l’intellighenzia svolgono un ruolo chiave in questo processo. 

Eravamo un giovane continente all’inizio del 21° secolo, ma con l’esplosione demografica dei giovani, i giovani uomini e le giovani donne sono diventati ancora più attivi, creativi, impazienti e sicuri di sé, dicendoci spesso che erano loro a rappresentare il futuro e che (insieme alle donne) formano la maggior parte dell’elettorato di tutti i nostri paesi!

Certo, questa era solo una delle forze motrici dietro l’unità. L’attuazione accelerata del Trattato di Abuja e la creazione della Comunità economica africana nel 2034 hanno portato a un drammatico progresso nell’integrazione economica. 

L’integrazione economica, associata allo sviluppo delle infrastrutture, ha visto la moltiplicazione del commercio intra-africano che è passato dal 12% nel 2013 a quasi il 50% nel 2045. Questa integrazione è stata ulteriormente rafforzata dalla crescita degli scambi di materie prime e la presenza di giganti commerciali africani. A partire dalle aziende farmaceutiche africane, le imprese panafricane oggi non solo dominano il nostro mercato interno di oltre due miliardi di persone, ma hanno sorpassato le multinazionali del resto del mondo nel proprio mercato continentale. 

Il più importante di tutti questi progressi è la crescita dei centri di produzione regionali per lo sviluppo delle nostre risorse minerali e naturali, come nel Congo orientale e a nord-est dell’Angola, nella cintura di rame di Zambia e nelle grandi valli di silicio di Kigali, Alessandria, Brazzaville, Maseru, Lagos e Mombasa, solo per citarne alcuni. 

Amico mio, l’Africa si è davvero trasformata da esportatore di materie prime con un settore manifatturiero in declino nel 2013 a esportatore di prodotti alimentari, una piattaforma globale per la produzione industriale, un centro di conoscenza, valorizzando le nostre risorse naturali e i nostri prodotti agricoli come motori di industrializzazione. 

Le imprese panafricane – che vanno dal settore minerario, finanziario a quello alimentare e delle bevande, dall’ospitalità e turismo ai prodotti farmaceutici, dalla moda e la pesca al ICT – favoriscono l’integrazione e sono tra i leader mondiali nei loro settori. 

Ad oggi siamo la terza potenza economica del mondo. Come sottolineato durante il seminario dei ministri degli esteri a Bahir Dar nel gennaio 2014, abbiamo raggiunto questo obiettivo trovando l’equilibrio tra forze di mercato e Stati responsabili e fortemente a sostegno dello sviluppo, per dare slancio alle infrastrutture, alla fornitura di servizi sociali, l’industrializzazione e l’integrazione economica. 

Vorrei ricordare ciò che il nostro amico comune ha scritto di recente: 

“La rivoluzione agraria (africana) ebbe inizi modesti. Gli imprenditori di successo (e i governi locali) con radici nelle aree rurali hanno lanciato schemi di irrigazione su larga scala per sfruttare le acque dei vasti sistemi idrografici del continente. I progetti panafricani dei bacini fluviali – sul Congo, il Nilo, il Niger, la Gambia, il Zambezi, il Kunene, il Limpopo e molti altri – finanziati dai PPP con la partecipazione dell’Africa e degli investitoti BRIC, così come dalla diaspora africana, hanno sbloccato il potenziale agricolo non sfruttato del continente. Grazie all’applicazione intelligente della secolare conoscenza indigena acquisita e preservata dalle donne africane che si sono sempre occupate delle colture, sin dagli primi anni sono state segnalate delle raccolte spettacolari. Gli agronomi hanno consultato le donne sulla qualità dei diversi semi – quelli che sono sopravvissuti alle leggere piogge e quelli che hanno fatto bene con il tempo piovoso; i tipi di malattie che devastano le colture e come controllarle senza danneggiare l’equilibrio dei sistemi ecologici. 

L’impatto sociale della rivoluzione agraria è stato senza dubbio il cambiamento più duraturo che ha prodotto. Lo status delle donne, i lavoratori della terra per tradizione, è migliorato in modo esponenziale. La ragazza condannata,  in un passato non troppo lontano, a trascorrere la sua vita in cucina o nei campi ha ora, come i ragazzi, la possibilità di acquisire un’istruzione moderna (e di possedere una fattoria o un’azienda agroalimentare). Oggi le madri africane hanno accesso a trattori e sistemi di irrigazione di facile assemblaggio. 

Le cooperative di produttori (agro-industriali) e le imprese di marketing create da queste donne hanno aumentato la loro produzione e sono diventati i giganti del cibo che vediamo oggi. 

Ci siamo rifiutati si sostenere il peso maggiore dei cambiamenti climatici e abbiamo attivamente promosso un’economia verde, rendendo l’economia blu il nostro cavallo di battaglia. Abbiamo illuminato l’Africa, un tempo un continente oscuro, con combustibili idroelettrici, solari, eolici, geotermici e fossili. 

Parlando dell’economia blu, la decisione di formare delle compagnie marittime continentali e di incoraggiare le compagnie minerarie a spedire le loro merci con navi battenti bandiera africana ha comportato un forte scatto di crescita. Naturalmente, la decisione presa a Dakar di creare un comando delle forze navali africane per garantire la sicurezza collettiva sulle nostre lunghe coste ha sicuramente contribuito a questo.

Vorrei ancora una volta citare il nostro comune amico: 

“Il sistema del bacino idrografico africano, i laghi e le coste abbondano di pesci. Grazie ai finanziamenti di vari stati e della diaspora, i giovani imprenditori hanno scoperto che le foci di praticamente tutti i fiumi della costa orientale sono ricche di specie di anguille considerate una prelibatezza in tutto il continente e nel mondo. 

Il marketing specializzato ha anche creato un mercato in crescita per il pesce persico del Nilo, una specie la cui proliferazione incontrollata una volta minacciava la sopravivvenza di altre specie nel Lago Vittoria e nel Nilo. 

Namibia e Angola stanno ora sfruttando la corrente di Benguela brulicante di specie marine, attraverso progetti congiunti finanziati da fondi sovrani e dalla Banca africana di sviluppo.”

Sulla costa orientale, gli ex stati insulari delle Seychelles, Comore, Madagascar e Mauritius sono i leader dell’economia blu, e le loro università e istituti di ricerca attraggono scienziati marini e studenti dal mondo intero. 

Caro amico, nella tua ultima email mi hai ricordato che una volta una rivista ci ha chiamato “Il continente senza speranza”, citando conflitti, fame e malnutrizione, malattie e povertà come se fosse uno stato permanente dell’Africa. Pochi hanno creduto al nostro impegno nella Dichiarazione del cinquantesimo anniversario per mettere a tacere le armi nel 2020. A causa della nostra esperienza diretta della devastazione derivante dal conflitto, abbiamo affrontato le cause alla radice, tra cui la diversità, l’inclusione e la gestione delle nostre risorse.

Se dovessi sollevare solo una questione che ha reso la pace una realtà, sarebbe il nostro impegno a investire nelle nostre persone, in particolare l’emancipazione dei giovani e delle donne. Nel 2013 abbiamo affermato che l’Africa ha bisogno di una rivoluzione delle competenze e che dobbiamo cambiare i nostri sistemi di istruzione per formare dei giovani che hanno un senso di innovazione e impresa e hanno dei forti valori panafricani. 

Dall’istruzione della prima infanzia, all’istruzione secondaria, tecnica, professionale e superiore – abbiamo vissuto un vero rinascimento, grazie agli investimenti che abbiamo fatto, come governi e come settore privato, nell’istruzione e tecnologia, scienza, ricerca e innovazione. 

In combinazione con le nostre campagne concertate per sradicare le principali malattie, fornire accesso ai servizi sanitari, al buon cibo, all’energia e agli alloggi, i nostri popoli sono diventati e rimangono la nostra risorsa più importante. Riesci a credere amico mio che anche la temuta malaria è storia antica?

Naturalmente, questo cambiamento non sarebbe stato possibile senza l’appropriazione da parte dell’Africa della sua trasformazione, in particolare il finanziamento del suo sviluppo. Come hanno affermato i ministri degli esteri nel 2014: l’Africa è ricca, ma gli africani sono poveri. 

Con comune determinazione politica e solidarietà, e talvolta facendo un passo indietro e due passi aventi, abbiamo dato priorità al finanziamento del nostro sviluppo e all’appropriazione delle nostre risorse, a partire dal finanziamento dell’Unione africane, le nostre elezioni democratiche e le nostre missioni di mantenimento della pace. 

Le celebrazioni del Giubileo hanno segnato l’inizio di un radicale cambiamento di paradigma nell’appropriazione della nostra storia. 

L’Agenda 2063, la sua attuazione e le pietre miliari che ha fissato hanno permesso questo cambiamento. L’Agenda 2063 mira a mobilitare e unire tutti gli africani e la diaspora nelle azioni attorno alla visione comune di un’Africa pacifica, integrata e prospera. Come quadro globale, l’Agenda 2063 ha consentito la coesione interna dei nostri diversi quadri e piani adottati sotto l’egida dell’OUA e dell’UA. Ha collegato e coordinato i nostri numerosi quadri nazionali e regionali in una dinamica di trasformazione continentale comune. 

La pianificazione per 50 anni ci ha permesso di sognare, pensare in modo creativo e talvolta di impazzire, come ha detto uno dei ministri presente al seminario ministeriale del 2014 quando abbiamo affrontato gli ostacoli immediati. 

Radicata nel panafricanismo e nel Rinascimento africano, l’Agenda 2063 ha promosso i valori di solidarietà, fiducia in se stessi, parità di genere, autonomia e celebrazione della nostra diversità. 

Man mano che le nostre società si sono sviluppate, che le nostre classi lavoratrici e medie sono cresciute, che le donne prendevano il loro posto nelle nostre società, che il nostro patrimonio e le nostre industrie del tempo libero sono cresciute, così come i nostri settori dell’arte e della cultura, la nostra letteratura, i nostri media, le nostre lingue, la nostra musica e il nostro cinema, il grande progetto di Africana Encyclopedia di WEB du Bois è finalmente stato realizzato e Kinshasa è oggi la capitale della moda del mondo. 

Fin dall’inizio, la diaspora, nelle tradizioni del panafricanismo, ha svolto il suo ruolo grazie agli investimenti, tornando nel continente, dotata delle sue capacità e apportando il suo contributo non solo al luogo di origine, ma là dove c’era bisogno e opportunità. 

Vorrei concludere questa email con alcune notizie di famiglia. I gemelli, dopo aver completato gli studi spaziali presso l’Università di Bahir Dar, hanno deciso di prendersi un mese di vacanza per viaggiare nel continente prima di iniziare i loro lavori presso l’Agenzia spaziale africana. Mio vecchio amico, sarebbe stato impossibile farlo in un mese ai nostri tempi!

Ma ora l’African Express Rail collega tutte le capitali dei nostri antichi stati e possono davvero attraversarlo e vedere la bellezza, la cultura e la diversità di questa culla dell’umanità. La meraviglia dell’African Express Rail è che non è solo un treno ad alta velocità con autostrade adiacenti, ma contiene anche dei pipeline per gas, petrolio e acqua, nonché cavi ICT a banda larga: proprietà, pianificazione e esecuzione integrata africana al meglio!

Le reti stradali e ferroviarie continentali che ora attraversano l’Africa, le nostre vibranti compagnie aeree, i nostri paesaggi spettacolari e i bellissimi tramonti, le iniziative culturali delle nostre città, fanno del turismo uno dei settori più importanti della nostra economia. 

La nostra figlia maggiore, la linguista, tiene lezioni di Kiswahili a Capo Verde, sede del’Università virtuale panafricana. Il Kiswahili è ora una delle principali lingue di lavoro dell’Africa e inseganta a livello mondiale nella maggior parte delle facoltà di tutto il mondo. I nostri nipoti ridono ancora delle difficoltà incontrate con le interpretazioni in inglese, francese e portoghese durante le riunioni dell’UE, in cui denunciamo la mancanza di armonizzazione tra la versione inglese e la versione francese o araba. Ora abbiamo una lingua france e il multilinguismo è all’ordine del giorno. 

Ti ricordi come ci lamentavamo che la nostra voce non veniva ascoltata nei negoziati commerciali e nel Consiglio di Sicurezza, come eravamo disorganizzati, a volte divisi e nazionalisti in questi forum, come venivamo convocati dai diversi paesi nelle loro capitali per discutere delle loro politiche sull’Africa?

Come sono cambiate le cose! L’anno scorso, la Confederazione ha celebrato vent’anni da quando abbiamo ottenuto un posto come membro permanente nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e siamo un importante pilastro per la stabilità, la pace, i diritti umani, il progresso, la tolleranza e la giustizia nel mondo. 

Mio caro amico, spero di vederti il mese prossimo ad Haiti per la seconda tornata dei colloqui sull’unità tra la Confederazione degli Stati africani e i Caraibi. Questo è un passo logico, poiché il panafricanismo ha le sue origini nelle prime generazioni dei movimenti di liberazione, autodeterminazione e progresso comune per gli africani nel continente madre e nella diaspora. 

Concludo questa email e non vedo l’ora di vederti a febbraio. Porterò alcuni di cioccolatini Accra che ami così tanto e che ora i nostri ragazzi si possono permettere di offrirci. 

Arrivederci e alla prossima! Nkosazana.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *