Il piano per i rifugiati della Grecia è disumano e destinato a fallire. L’UE deve intervenire

Il governo vuole creare enormi centri di detenzione, ma sia i locali sia i rifugiati si oppongono.

16 febbraio 2020 Apostolis Fotiadis su The Guardian

Dall’inizio dell’anno, il sistema di accoglienza della Grecia per i migranti è esploso. Un picco di arrivi negli ultimi mesi, causato dalle operazioni di polizia turche che rimuovono rifugiati e richiedenti asilo dalle città costiere occidentali e li rimandano nelle regioni in cui sono stati registrati, ha spinto al limite gli alloggi esistenti. Tra settembre 2019 e gennaio 2020, il governo greco ha trasferito 14.750 persone dalle isole alla terraferma, mentre 36.000 nuovi arrivati ​​hanno attraversato l’Egeo in Grecia dalla Turchia. Mentre il sistema non è in grado di assorbire altre persone, gli sforzi per istituire campi aggiuntivi nella terraferma e nuovi centri di detenzione sulle isole hanno incontrato una forte resistenza da parte delle comunità locali.

Nel frattempo, le condizioni su Lesbo, Samo, Chios, Kos e Leros, le isole nord-orientali che ospitano i famigerati “hotspot” (come vengono chiamati i campi migratori su quelle isole), sono intollerabili. Più di 42.000 persone vivono attualmente in queste baraccopoli, costruite per contenere alcune migliaia.

Le isole hanno svolto il ruolo di barriera sin dall’accordo UE-Turchia del marzo 2016, il che significa che, secondo l’interpretazione dell’accordo di Ankara, nessuno che può raggiungere la Grecia continentale può essere restituito in Turchia. Per anni i critici hanno incolpato l’accordo per l’istituzione di un sistema disumano.

Sotto Syriza, che era al potere tra il 2015 e il 2019, le condizioni sulle isole erano precarie. Il governo non è riuscito a stabilire un sistema di accoglienza e asilo funzionante e ha adottato un approccio ad hoc a questa sfida: ha creato nuovi spazi sulla terraferma per alleviare la pressione sulle isole. Ma da quando il partito conservatore della Nuova Democrazia è salito al potere l’estate scorsa, il governo ha deciso di portare avanti una politica di asilo punitiva e di estrema destra incentrata sul dissuadere la gente dall’arrivo sulle isole del Mar Egeo.

Una nuova legge sull’asilo, introdotta lo scorso ottobre, ha reso impossibile tenere il passo con le procedure a meno che qualcuno non abbia assistenza legale costante, un servizio molto limitato offerto da poche organizzazioni. Il governo sta inoltre progettando di requisire gli spazi per istituire enormi centri di detenzione sulle isole, dove i richiedenti asilo potrebbero essere limitati per lunghi periodi di tempo, al fine di consentire molte più espulsioni. Inoltre, il governo continua a annunciare piani non realistici, come la creazione di una barriera galleggiante nel Mar Egeo e l’esame di 50.000 domande di asilo entro giugno 2020.

Costringere le comunità dell’isola ad accettare i piani del governo non andrà bene. Le tensioni sono già scoppiate il mese scorso, con grandi manifestazioni a Lesbo, Chio e Samo che chiedono il trasferimento dei richiedenti asilo dalle isole. Proteste simili da parte dei richiedenti asilo sono state trattate in modo approssimativo dalla polizia, mentre gruppi di vigilanza hanno attaccato richiedenti asilo e lavoratori delle ONG.

Nel frattempo, i membri del fianco destro della Nuova Democrazia stanno cercando di dirottare il dibattito e spingere per un’attuazione radicale e rapida di questo piano. Credono che ciò scoraggerà più persone dall’attraversare l’Egeo e rafforzerà la posizione della Grecia quando entrerà nei negoziati il ​​mese prossimo sul nuovo patto di migrazione e asilo dell’UE. Tutta questa strategia comporterà grandi costi umani con poche possibilità di produrre risultati. La resistenza delle comunità locali rallenterà l’attuazione del piano. E una volta che la Turchia inizierà a trasferire i rifugiati nelle cosiddette “zone sicure” nel nord della Siria, i fattori di spinta dall’altra parte dell’Egeo saranno molto più forti. Le persone sceglieranno di venire in Grecia per tornare a Idlib, non importa quanto sia difficile. 

La Grecia viene sempre più lasciata sola a gestire le questioni pratiche, ed è difficile vedere i negoziati dell’UE produrre qualcosa di simile a un sistema equo che lo cambierebbe. Più di ogni altra cosa, gli ostacoli pratici alla creazione di un efficace meccanismo di asilo basato su misure punitive e detenzione sono enormi. Far accettare la gente del posto e i richiedenti asilo richiederebbe molta coercizione; infatti, gli avvocati nelle isole stanno già segnalando numerose violazioni del diritto europeo e internazionale in materia di asilo.

Invece di incoraggiare implicitamente il governo greco a copiare e incollare dal manuale di migrazione imperfetto di Viktor Orbán non riuscendo a fornire alla Grecia il sostegno di cui ha bisogno, i funzionari dell’UE dovrebbero prendere in considerazione la creazione di un sistema di accoglienza e protezione dell’UE alle frontiere esterne dell’Europa e l’invio di medici, infermieri , assistenti sociali e interpreti lì. Allo stato attuale, Frontex, una super agenzia europea, è sempre più destinata ad assumere il controllo di quelle frontiere esterne. Tuttavia, le responsabilità di ricevere e proteggere effettivamente i migranti vengono lasciate alla Grecia, un piccolo stato membro. Questa è una situazione assurda.

Ciò che è particolarmente scoraggiante della risposta del continente è che, con un approccio ragionevole, queste pressioni potrebbero essere gestibili. La soluzione alla crisi dei rifugiati in Europa non può essere che l’UE continui a finanziare un sistema inefficiente e disumano, in cui la Grecia è legata alla deterrenza al di sopra di qualsiasi altra strategia.

https://www.theguardian.com/commentisfree/2020/feb/16/greece-refugee-plan-eu-detention-centres-refugees
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *