Quale impatto COVID-19 sui sistemi alimentari africani?

Le forniture alimentari non dovrebbero subire effetti troppo devastanti, ma per molti le restrizioni sociali renderanno difficile l’accesso a e l’acquisto di cibo. 

William Moseley per African Arguments, 25 marzo 2020 – Mentre la pandemia di COVID-19 prende piede in Africa, molti governi hanno iniziato a chiudere i confini, a limitare gli assembramenti e a chiudere le scuole. La crisi ha già radicalmente cambiato la vita delle persone non solo per quanto riguarda la salute pubblica, ma anche in termini politici, economici, dei servizi pubblici ecc. 

E i sistemi alimentari? Una cosa che non si può fermare è la necessità delle persone di nutrirsi. In che modo la pandemia impatterà le forniture alimentari dell’Africa? In che modo influirà sulla capacità delle persone di acquistare il fabbisogno per la sussistenza quotidiana?

COVID-19 avrà un impatto diretto sulle scorte alimentari?

In breve, non vi è alcun motivo particolare per aspettarsi che le forniture alimentari africane verranno influenzate in modo significativo come conseguenza diretta della pandemia. 

Molti paesi africani sono importatori netti di cibo. Nel 2017 il continente ha speso circa 65 miliardi di dollari in importazioni alimentari. Il commercio globale su cui si basa non dovrebbe essere interrotto dalla pandemia. Inoltre, a differenza del 2007-2008, al momento i costi energetici elevati non stanno facendo salire i prezzi dei prodotti alimentari. 

L’Africa coltiva anche gran parte delle proprie scorte alimentari. Circa il 60% della popolazione continentale è impegnata nell’agricoltura, compresi molti piccoli agricoltori. Gli agricoltori puramente di sussistenza – di cui ne sono relativamente pochi – dovrebbero essere protetti dal fatto che coltivano la maggior parte del proprio cibo. Gli agricoltori che producono per il mercato oltre al proprio consumo possono essere in una buona posizione per superare la crisi, sia in termini di alimentazione che di guadagno, in un momento in cui altre forme occupazionali sono a rischio. 

Se la sicurezza alimentare diventa una preoccupazione, governi e donatori possono temporaneamente sospendere la loro ambizione di integrare i piccoli agricoltori nelle catene di approvvigionamento globale e dare la priorità alla fornitura dei mercati locali. 

In alcune città e aree periurbane, l’agricoltura urbana rimane una fonte vitale di cibo, diversità dietetica e reddito. Durante la crisi, il giardinaggio su piccola scala nelle città potrebbe essere un’importante fonte di cibo, soprattutto se i redditi diminuiscono a causa del calo occupazionale. 

In alcune zone rurali, la raccolta di foraggi e alimenti selvatici è un’importante fonte di diversità dietetica. Mentre alcune persone hanno suggerito che alcune specie selvatiche (ad esempio pipistrelli e pangolini) fossero la fonte di COVID-19, è importante non demonizzare gli alimenti foraggieri e considerare le più ampie forze strutturali che hanno portato alla distruzione dell’habitat e interazioni più frequenti tra gli esseri umani e la fauna selvatica. 

Impatterà i produttori alimentari africani?

Questo può essere più preoccupante, anche se è difficile prevedere esattamente quali effetti si vedranno. 

Secondo alcune stime, il 70% del cibo africano è prodotto da donne. In diversi paesi dell’Africa meridionale, ad esempio, le donne rurali sono le principali produttrici di colture alimentari, mentre gli uomini sono più coinvolti nella zootecnia o nel lavoro fuori dalla fattoria. Le donne sono spesso responsabili anche della cura di bambini, malati e anziani. CIò significa che potrebbero avere una maggiore esposizione al COVID-19 con implicazioni a catena per la produzione, la preparazione e la nutrizione dei bambini. 

È anche vero che gli agricoltori tendono ad essere più vecchi della popolazione media. L’Africa ha una popolazione giovane, ma i giovani tendono ad essere meno interessati all’agricoltura e hanno maggiori probabilità di migrare nelle aree urbane. Ciò lascia una popolazione agricola leggermente più anziana che potrebbe essere più vulnerabile al nuovo coronavirus. E sarà particolarmente vero per le persone il cui sistema immunitario è compromesso dall’HIV/AIDS. 

Impatto sulla capacità delle persone di acquistare cibo?

Questo potrebbe essere una preoccupazione più immediata e dipenderà in qualche modo dal tipo di politiche e restrizioni messe in atto dai governi. 

Molte persone nelle aree urbane già affrontano la povertà e fanno fatica a procurarsi cibo. Con il COVID-19, queste difficoltà aumenteranno. I più poveri spesso dipendono dal lavoro occasionale nel settore informale per sopravvivere, posti di lavoro che non saranno possibili in condizioni di lockdown o di allontanamento sociale forzato. 

Se le opportunità di lavoro diminuiscono, alcuni residenti urbani possono tornare alle loro case familiari nelle aree rurali dove l’accesso al cibo è più facile. Ma questa non è un’opzione per tutti, specialmente per coloro che originariamente sono partiti per sfuggire alla violenza o alla fame. 

Anche la questione di dove acquistare il cibo è incerta. Mentre i supermercati sono ben presenti in alcune città, molte persone nelle aree urbane dipendono da piccoli negozi e mercati all’aperto. Questi punti vendita sono particolarmente importanti per coloro che possono permettersi di acquistare solo in piccole quantità. Gli sforzi per chiudere i mercati per motivi di salute pubblica comprometteranno la capacità delle persone di acquistare cibo e limiteranno il sostentamento di produttori e venditori, con conseguenza a catena sulla loro sicurezza alimentare. Mentre tali azioni possono diventare necessarie per combattere la pandemia, la creazione di alternative per le persone sarà fondamentale. 

Cosa bisogna fare?

Quando si tratta di mantenere i sistemi alimentari durante la pandemia, l’Africa potrebbe avere alcuni vantaggi rispetto ad altre parti del mondo, grazia alla sua forza di lavoro relativamente più giovane e una più robusta agricoltura urbana e su piccola scala. Ciò nonostante, nei prossimi mesi dovrà affrontare sfide significative che richiedono un’attenzione ponderata da parte dei responsabili politici. 

I sistemi di allarme rapido per le carestie – e i relativi sistemi di approvvigionamento alimentare di emergenza – dovranno essere adeguati per aumentare l’attenzione sulle aree urbane. Queste iniziative si concentrano tradizionalmente sulle aree rurali e sulle crisi alimentari provocate da siccità o infestazioni di insetti. Sono molto meno efficaci nel monitorare la riduzione dell’accesso al cibo nelle aree urbane a causa del calo dei redditi. 

Una grande parte degli sforzi deve anche essere incentrata sulla riduzione della diffusione dello stesso COVID-19. Le misure preventive cruciali – dalla promozione del lavaggio delle mani e del distanziamento sociale all’imposizione di restrizioni su riunioni e movimenti – saranno essenziali per rallentare gli impatti del virus, compresi quelli sui sistemi alimentari e i produttori. 

In questo, sarà importante tenere conto delle capacità dei governi africani. Mentre la risposta della Corea del Sud alla crisi è encomiabile, potrebbe non essere un modello realistico per la maggior parte degli stati del continente. 

Alcune capacità di governo potrebbero essere migliorate se il pagamento dei debiti venisse sospeso e l’assistenza multilaterale relativa alla pandemia COVID-19 arriva senza vincoli inutili. I rinnovati appelli a riforme strutturali in un periodo di crisi non sono utili. Più in generale, la comunità globale deve rendersi conto che in questa lotta stiamo tutti sulla stessa barca. Mentre sarà allettante per alcuni paesi del Nord del mondo ripiegarsi su se stessi mentre affrontano le proprie crisi, le malattie e l’insicurezza alimentare associata raramente rispettano i confini internazionali. 

Infine, i problemi esistenti persisteranno durante la crisi COVID-19 e non potranno essere ignorati. Molti governi africani dovranno continuare ad affrontare le sfide in corso come l’infestazione di locuste del deserto in Africa orientale. Queste crisi devono continuare a ricevere l’attenzione che meritano se si vuole mantenere una produzione alimentare domestica. 

Traduzione di Laura Harth

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *