Gli interessi internazionali su Hong Kong

Il governo cinese ha impresso una drastica accelerazione al processo di accentramento giuridico e amministrativo nei confronti dell’ex colonia britannica e Hong Kong avverte che la rimozione dello status speciale degli Stati Uniti è una “spada a doppio taglio”. “Qualsiasi sanzione è una spada a doppio taglio che non solo danneggerà gli interessi di Hong Kong, ma anche in modo significativo quelli degli Stati Uniti”, ha detto il governo di Hong Kong giovedì. Dal 2009 al 2018, l’avanzo commerciale degli Stati Uniti è stato di 297 miliardi di dollari con Hong Kong e 1.300 aziende statunitensi avevano sede in città. Con ciò, Hong Kong si è confermato il più grande tra tutti i partner commerciali di Washington. Pechino afferma che la nuova legislazione, che probabilmente entrerà in vigore prima di settembre, affronterà la secessione, la sovversione, il terrorismo e le interferenze straniere nella città. Il principale consigliere economico di Trump, Larry Kudlow, ha avvertito che Hong Kong, che ha goduto di privilegi speciali ai sensi della legge statunitense sulla base del suo alto grado di autonomia da Pechino, potrebbe ora dover essere trattata come la Cina in materia commerciale e di altre questioni finanziarie. Le cinque richieste del movimento di protesta pro-democrazia dell’anno scorso includevano il suffragio universale e un’inchiesta indipendente sulla gestione delle proteste da parte della polizia, ma non sull’indipendenza. Una minoranza di manifestanti ha sventolato bandiere di “indipendenza di Hong Kong”. I manifestanti vedono la legislazione sulla sicurezza, insieme a un disegno di legge per criminalizzare la mancanza di rispetto per l’inno nazionale cinese, come ultimo tentativo di Pechino di rafforzare il suo controllo della città. Australia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti sono tra le nazioni che hanno condannato la proposta di legislazione sulla sicurezza. Il Giappone ha detto che era “seriamente preoccupato”. La Gran Bretagna ha dichiarato che concederà maggiori diritti di visto ai titolari di passaporti nazionali britannici da Hong Kong, a meno che la Cina non abbia sospeso i suoi piani.

Approfondisci https://www.reuters.com/article/us-hongkong-protests/hong-kong-warns-removing-u-s-special-status-is-a-double-edged-sword-idUSKBN23504O

https://www.reuters.com/article/us-hongkong-protests/hong-kong-warns-removing-u-s-special-status-is-a-double-edged-sword-idUSKBN23504O
Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *