La Proposta di legge del Partito Radicale sulla Giornata Nazionale per le vittime degli errori giudiziari non è contro i magistrati

Dichiarazione di Maurizio Turco e Irene Testa, Segretario e Tesoriere del Partito Radicale

 Il Partito Radicale ha deciso oggi, 17 giugno, anniversario dell’arresto di Enzo Tortora, di istituire una Giornata Nazionale per le vittime degli errori giudiziari ed oggi al Senato è stata incardinata la nostra Proposta di Legge, depositata alla Camera e al Senato dai maggiori schieramenti politici presenti in Parlamento. Apprendiamo che vi sono state opinioni contrastanti e  oscillazioni di riflessioni da parte di alcune componenti politiche in sede di Commissione Giustizia al Senato. Questa Proposta di Legge è e vuole essere per tutti coloro i quali hanno subito una ingiusta detenzione, un’ingiusta custodia cautelare, un errore giudiziario in definitiva. Non capiamo le difficoltà nell’approvarla posto che il garantismo è alla base della nostra Costituzione e che si è innocenti fino a prova del contrario. Non è contro i magistrati, semmai è un tassello per andare incontro ad un caposaldo di una democrazia che si fondi sullo stato del diritto, vale a dire la responsabilità civile dei magistrati che implica o potrebbe implicare anche misure di riparazione in seguito ad un errore giudiziario. Il Partito Radicale continuerà in questa battaglia che, con soddisfazione, apprendiamo non essere piu’ così solitari sebbene il maggior partito di maggioranza sembra non aver compreso lo spirito altamente democratico di questa Proposta di Legge. Non si puo’ governare un Paese e pensare che si è colpevoli fino a prova del contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *