Le proteste in Thailandia

La Thailandia ha ritirato un decreto d’emergenza per porre fine a mesi di proteste contro il Governo e la monarchia che avevano solo infiammato la rabbia e portato decine di migliaia di persone nelle strade di Bangkok.

I manifestanti che hanno dato al Primo Ministro – Prayuth – un termine di tre giorni per ritirarsi, hanno dichiarato  che il ritiro delle misure non era sufficiente. “Cerca ancora di rimanere al potere ignorando tutte le richieste del popolo. Il decreto di emergenza non avrebbe dovuto essere emesso in primo luogo”. I manifestanti affermano  che Prayuth ha truccato le elezioni dello scorso anno per mantenere il potere che ha preso con un colpo di stato del 2014 ed accusano la monarchia di aver permesso anni di dominazione militare e vogliono limitare i poteri del re.

Per approfondire clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *