La Russia perde il voto sui diritti delle donne nelle zone di conflitto al Consiglio di Sicurezza

I tentativi della Russia di introdurre una Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che secondo gli attivisti avrebbe distrutto i diritti delle donne in conflitto, sono falliti in quanto 10 Paesi si sono astenuti in una votazione cruciale. 

Regno Unito, Stati Uniti, Germania e Francia erano tra gli Stati membri astenuti, il che significa che la Risoluzione non ha ottenuto i nove voti necessari per passare. Quest’anno ricorre il ventesimo anniversario dell’adozione della risoluzione 1325 del Consiglio di Sicurezza, la prima a riconoscere l’esperienza unica e sproporzionata delle donne nei conflitti e a richiedere il loro ruolo paritario nei negoziati di pace, nelle operazioni e nella ricostruzione. Da allora sono state adottate altre nove risoluzioni. L’anno scorso una risoluzione introdotta dalla Germania per combattere gli stupri in tempo di guerra è stata approvata solo quando sono stati eliminati i riferimenti alla salute e ai diritti sessuali e riproduttivi nel testo, per andare incontro agli Stati Uniti. In una sessione speciale del Consiglio di sicurezza di giovedì, sia il Regno Unito che la Germania hanno dichiarato che non avrebbero votato a favore della risoluzione della Russia, introdotta durante la presidenza. Entrambi i Paesi hanno dichiarato che non permetteranno un ritiro sui diritti delle donne. Cina, Sudafrica, Vietnam e Indonesia si sono uniti alla Russia per votare a favore della risoluzione. 

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000