La Russia valuta la proposta iraniana di porre fine al conflitto del Nagorno-Karabakh

La Russia sta valutando una proposta iraniana per porre fine al conflitto tra l’Azerbaigian e le forze di etnia armena nell’enclave del Nagorno-Karabakh dopo che tre cessate il fuoco non sono riusciti a fermare i combattimenti che sono ormai alla sesta settimana.

Piu’ di  1.000 persone sono state uccise da quando sono scoppiati i combattimenti del 27 settembre nel Nagorno-Karabakh, un’enclave internazionalmente riconosciuta come parte dell’Azerbaigian ma popolata e controllata da armeni di etnia armena. I negoziati sono stati condotti per decenni da Russia, Francia e Stati Uniti nel loro ruolo di copresidenti di un gruppo noto come Gruppo di Minsk dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). In un’intervista con il quotidiano russo Kommersant, Lavrov ha anche stimato che circa 2.000 mercenari del Medio Oriente stavano combattendo e ha chiesto ai “giocatori esterni” di fermare il loro arrivo.  Mentre i combattimenti proseguono, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha messo in guardia da possibili crimini di guerra nei combattimenti in corso. “Il diritto internazionale umanitario non può essere più chiaro. Gli attacchi condotti in violazione del principio di distinzione o del principio di proporzionalità possono equivalere a crimini di guerra, e le parti in conflitto sono obbligate a indagare in modo efficace, tempestivo, approfondito e imparziale su tali violazioni e a perseguire coloro che sono accusati di averle commesse”.  Con i combattimenti che si svolgono in mezzo ai crescenti casi di COVID-19, l’Alto Commissario ha sottolineato la minaccia diretta alla salute pubblica, aggiungendo che “i combattimenti sono anche sorprendentemente in opposizione alla richiesta del Segretario generale dell’Onu di un cessate il fuoco globale in mezzo alla pandemia”.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221