Carceri/Covid. Partito Radicale – Manca piano emergenze. Procure rispondano a denuncia contro Bonafede. Prosegue sciopero fame.

Dichiarazione di Irene Testa Tesoriera del Partito Radicale

Non manca giorno o ora che i sindacati di polizia penitenziaria non lancino l’allarme per il diffondersi del virus all’interno degli istituti di pena di tutta Italia. Le numerose segnalazioni che arrivano al Partito Radicale ci descrivono una situazione catastrofica: mancano presidi sanitari e personale e non ci sono gli spazi necessari per isolare i positivi. In tutto ciò, non si conoscono i dati reali dei contagi poiché il sito del Ministero della Giustizia e le regioni, alle quali è appaltata la sanità penitenziaria, non rendono noti i dati. Nel mentre continua il digiuno indetto da Rita Bernardini e da diversi militanti del Partito radicale, alla quale ho aderito ad oltranza, per chiedere ai procuratori della Repubblica che ne è stato della denuncia per reato ipotizzato di “procurata epidemia colposa mediante omissione” nei confronti del Ministro Bonafede e del Dap, denuncia inviata nel mese di marzo alle procure insieme al segretario Maurizio Turco e all’avvocato Giuseppe Rossodivita.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *