Nasrin Sotoudeh, avvocatessa, è stata temporaneamente liberata: l’Iran ha concesso permessi di uscita temporanea causa Covid ma non ai prigionieri politici

L’attivista insignita del Premio Sakharov nel 2012, in detenzione da due anni con accuse di spionaggio e propaganda contro lo Stato, dopo un processo che le organizzazioni per i diritti umani hanno definito ingiusto e arbitrario. E’ stata in sciopero della fame per sei settimane per protestare contro le condizioni di detenzione dei prigionieri politici in Iran.

Senza aver ricevuto le cure adeguate, è uscita con un permesso temporaneo autorizzato dalla prigione femminile” in cui è detenuta. Era già stata in carcere 8 anni fa con le stesse accuse. In questi mesi, da febbraio, il governo di Teheran ha concesso permessi di uscita temporanea dal carcere a migliaia di detenuti per evitare una diffusione dell’epidemia di coronavirus nelle sovraffollate prigioni iraniane.  I prigionieri politici però sono stati in gran parte esclusi dalla misura.

Per approfondire clicca qui

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *