ONU: 100 milioni di dollari per difendersi dalla carestia

L’ONU, attraverso il Fondo Centrale di risposta alle emergenze (CERF), ha sbloccato 100 milioni di dollari di finanziamenti d’emergenza per scongiurare il rischio di carestia in sette paesi più a rischio di un’epidemia di fame alimentata da conflitti, declino economico, cambiamento climatico e pandemia COVID-19: 80 milioni di dollari saranno divisi tra Afghanistan, Burkina Faso, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Sud Sudan e Yemen, che otterranno la tranche più grande di 30 milioni di dollari. Altri 20 milioni di dollari sono stati messi da parte per l’Etiopia, dove la siccità potrebbe peggiorare una situazione già fragile.

Mark Lowcock, Capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari, e David Beasley, Direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale (PAM), hanno sostenuto che il più grande successo dell’umanità è stato quello di consegnare la carestia alla storia. “Ma l’impatto della pandemia e dei blocchi ad essa associati – il calo dei redditi, l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari – è stato un vero e proprio colpo di scena. Lasciate che questo fuoco prenda il sopravvento e milioni di bambini moriranno”. “Quando il Comitato Nobel ha assegnato il Premio Nobel al PAM ha detto di voler volgere lo sguardo del mondo verso i milioni di persone che soffrono la fame o che affrontano la minaccia della fame. Non potremmo essere più d’accordo”. Quando più di un quarto di miliardo di persone traballa sul bordo di una scogliera, non è il momento di distogliere lo sguardo, e tanto meno di allontanarsi”.

Per approfondire clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *