L’ONU lancia un appello per 35 miliardi di dollari per aiutare i “più vulnerabili e fragili” del mondo

Un record di 235 milioni di persone avranno bisogno di assistenza e protezione umanitaria l’anno prossimo, un aumento di quasi il 40% rispetto al 2020 che è “quasi interamente da COVID-19. In un appello per 35 miliardi di dollari per soddisfare le esigenze umanitarie l’anno prossimo, Mark Lowcock, coordinatore dei soccorsi di emergenza ONU, ha sostenuto che la crisi sanitaria globale ha avuto un impatto drammatico sulla popolazione già scossa da conflitti, livelli record di sfollamento, shock da cambiamento climatico.

Si profilano carestie “multiple”. “Il quadro che presentiamo è la prospettiva più cupa e oscura sulle esigenze umanitarie nel periodo che ci attende e che non abbiamo mai delineato”. Questo è il riflesso del fatto che la pandemia di COVID ha provocato una carneficina in tutti i paesi più fragili e vulnerabili del pianeta”. Il Global Humanitarian Overview (GHO) di quest’anno stabilisce piani “per raggiungere 160 milioni di persone tra le più vulnerabili in 56 paesi e la maggior parte dei piani, se saranno completamente finanziati, costerà 35 miliardi di dollari”. Ha precisato che mentre i paesi più ricchi hanno investito circa 10 trilioni di dollari per evitare il disastro economico causato dal crollo del COVID e ora possono vedere “la luce alla fine del tunnel … lo stesso non è vero nei paesi più poveri”. Il denaro sarà anche utilizzato dal Central Emergency Relief Fund (CERF) dell’ONU per affrontare la crescente violenza contro le donne e le ragazze legata alla pandemia. Ha anche sottolineato come il cambiamento climatico e l’aumento delle temperature globali abbiano ulteriormente contribuito alle prospettive negative dei bisogni umanitari nel 2021, il cui impatto è stato “più acuto nei paesi che hanno anche i maggiori problemi umanitari”. In effetti, otto dei 10 Paesi più vulnerabili agli effetti del cambiamento climatico sono quelli in cui le agenzie umanitarie hanno già un enorme lavoro da fare”. Conflitti vecchi e nuovi hanno contribuito ad aumentare i bisogni indicando “nuovi picchi di conflitto in luoghi che prima erano più pacifici”. Lo abbiamo visto ovviamente di recente nel Nagorno-Karabakh, lo abbiamo visto nel nord del Mozambico, lo abbiamo visto nel Sahara occidentale e al momento ovviamente, tragicamente, lo stiamo vedendo nel nord dell’Etiopia”.Oltre a fornire i mezzi per aiutare le comunità in crisi, Lowcock ha sottolineato l’attenzione dell’appello delle Nazioni Unite sull’azione preventiva. Questo includeva un’iniezione di denaro per l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a febbraio, all’inizio della pandemia di coronavirus, per garantire che i paesi più poveri ricevessero l’equipaggiamento protettivo per affrontare la COVID-19. Ciononostante, Lowcock ha sottolineato che la portata delle sfide che gli umanitari dovranno affrontare l’anno prossimo è enorme ed in crescita. “Se riusciremo a superare il 2021 senza grandi carestie, sarà un risultato significativo”, aggiungendo ” Le luci rosse lampeggiano e i campanelli d’allarme suonano”.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000