Dal Green Deal europeo, la lotta contro la povertà nell’UE è “il pezzo mancante”

Secondo Olivier De Schutter, Relatore Speciale ONU sulla povertà estrema e i diritti umani, alla fine di una visita ufficiale per valutare il funzionamento delle istituzioni dell’UE, il fallimento dell’Unione Europea nel far uscire 20 milioni di persone dalla povertà entro il 2020, è “una sconfitta per i diritti sociali, sollecitando il blocco a ripensare coraggiosamente il suo intero approccio socio-economico.

“Poiché l’UE ha sperimentato una crescita economica e occupazionale costante fino a poco tempo fa, l’unica spiegazione per questo fallimento è che i benefici non sono stati distribuiti in modo uniforme”, ha detto. Nel 2019, una persona su cinque ha rischiato la povertà o l’esclusione sociale. In tutta Europa, circa 19,4 milioni di bambini vivono in povertà, mentre 20,4 milioni di lavoratori vivono ai margini della povertà. E le donne, che guidano il 95% delle famiglie monoparentali, sono rappresentate in modo sproporzionato tra i poveri. Inoltre, la pandemia di COVID-19 ha colpito molti europei che non avevano mai affrontato la povertà prima. De Schutter  ha sostenuto che “l’UE può giocare un ruolo importante nel galvanizzare gli sforzi antipovertà degli Stati membri”, in particolare attraverso le sue raccomandazioni annuali. Ma invece di dare priorità agli investimenti nella sanità, nell’istruzione e nella protezione sociale, ha attestato che le loro raccomandazioni hanno “spesso imposto tagli di bilancio in nome dell’efficienza dei costi”.  Inoltre, ha evidenziato come i membri del blocco competono in una “corsa al ribasso” abbassando le tasse, i salari e le protezioni dei lavoratori per attirare gli investitori e migliorare la competitività dei costi esterni. 

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221