OMS: “Estremamente improbabile” che il COVID abbia avuto origine da una perdita di laboratorio

Il team di esperti inviati dall’OMS per indagare le origini della pandemia di COVID-19 nella città ha anche detto di non aver trovato alcuna prova di un focolaio legato al virus nella città prima del 2019. Prima della loro partenza dalla Cina, Peter Ben Embarek ,della delegazione dell’OMS, ha detto che il quadro che avevano della situazione prima della loro indagine non era cambiato radicalmente.

Ha respinto la teoria spinta dall’amministrazione Trump negli Stati Uniti che un incidente di laboratorio presso l’istituto di virologia era dietro l’epidemia, dicendo che era “estremamente improbabile per spiegare l’introduzione del virus nella popolazione umana”. Insieme ad una delegazione scientifica cinese, Embarek ha affermato che il team ha intrapreso una ricerca di casi all’inizio del 2019, concludendo che “non ha trovato prove di grandi focolai che potrebbero essere collegati a casi di COVID-19 prima del 19 dicembre a Wuhan o altrove.” Liang Wannian, il Capo della delegazione scientifica cinese, ha detto che la trasmissione da un animale è probabile, ma l’animale “non è ancora stato identificato”. La missione dell’OMS ha avuto un inizio traballante, con la Cina apparentemente riluttante a consentire agli esperti di condurre il loro lavoro, non riuscendo a fornire autorizzazioni ad alcuni del team. Gli esperti sono arrivati in Cina a gennaio e hanno visitato luoghi chiave legati al focolaio iniziale, compresi i mercati di carne e pesce dove sono stati trovati i primi casi.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221