Siria: Esperti ONU esortano 57 Stati a rimpatriare donne e bambini da campi invivibili

Gli Esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani hanno espresso serie preoccupazioni per il deterioramento della sicurezza e della situazione umanitaria nei campi di Al Hol e Roj nel nord-est della Siria – che ospitano oltre 64.000 persone, per lo più donne e bambini – e hanno sollecitato 57 Stati i cui cittadini sono detenuti lì a rimpatriarli senza indugio.

Rapporti di un aumento della violenza nei campi dall’inizio dell’anno muovono gli Esperti per un’azione urgente.”Migliaia di persone detenute nei campi sono esposte a violenze, sfruttamento, abusi e privazioni in condizioni e trattamenti che possono benissimo equivalere alla tortura o ad altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti secondo il diritto internazionale, senza alcun rimedio efficace a loro disposizione. Un numero sconosciuto è già morto a causa delle loro condizioni di detenzione”. Sottolineano l’urgente necessità di giustizia, verità e riparazione per tutte le vittime delle gravissime violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario che si sono verificate nella regione. In questo contesto, la continua detenzione, per motivi poco chiari, di donne e bambini nei campi è una questione di grave preoccupazione e mina la progressione della responsabilità, della verità e della giustizia. Hanno ricordato agli Stati interessati che il processo di rimpatrio deve essere fatto in conformità con il diritto internazionale dei diritti umani. Hanno anche sottolineato che gli Stati devono astenersi da qualsiasi azione che esporrebbe gli individui a ulteriori violazioni dei diritti umani al loro ritorno nel paese di nazionalità, e che dovrebbero sostenere attivamente la loro reintegrazione con un adeguato sostegno sociale, psicologico ed educativo, consapevoli dei traumi specifici di genere che potrebbero aver subito le donne e le ragazze. Hanno anche espresso preoccupazione per un processo di “raccolta dati” che ha avuto luogo nei campi lo scorso luglio. “Dati altamente personali e unici sono stati raccolti da donne e bambini in condizioni in cui il consenso non poteva essere dato liberamente, né in circostanze in cui era chiaro chi avrebbe avuto accesso a questi dati, e come potrebbero essere usati.  Gli esperti hanno detto di essere gravemente preoccupati che l’esercizio, riferito per valutare le minacce alla sicurezza, non ha tenuto conto dei principi fondamentali del giusto processo e ha preso di mira solo le famiglie con presunti legami con i combattenti stranieri dell’ISIL, tra cui donne e bambini, che già soffrono di una maggiore discriminazione, emarginazione e abusi sulla base della loro presunta affiliazione al gruppo.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221