Biden, la democrazia sotto attacco in America e Europa. Dobbiamo difenderla, l’autocrazia non deve prevalere

IL PRESIDENTE: Grazie, signor ambasciatore. Ed è fantastico essere con Angela ed Emmanuel. Abbiamo appena trascorso parte della mattinata, secondo l’orario di Washington, insieme. Ma voglio salutare tutti e grazie a voi – alla Conferenza di Monaco per aver ospitato questa sessione speciale.

 Per decenni, come lei ha sottolineato, ho partecipato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco – come senatore degli Stati Uniti, unendomi ai miei colleghi su entrambi i lati del corridoio per affermare l’importanza del partenariato transatlantico; tre volte come vicepresidente degli Stati Uniti, incluso il primo discorso di politica estera internazionale dell’amministrazione Obama-Biden nei primi mesi in cui eravamo in carica. E due anni fa, come lei ha sottolineato, l’ultima volta che ho parlato a Monaco, ero un privato cittadino; ero un professore, non un funzionario eletto. Ma in quel momento ho detto: “Torneremo”. E sono un uomo di parola. L’America è tornata. Parlo oggi in qualità di Presidente degli Stati Uniti all’inizio della mia amministrazione e invio un messaggio chiaro al mondo: l’America è tornata. L’alleanza transatlantica è tornata. E non stiamo guardando indietro; guardiamo in avanti, insieme. Si riduce a questo: l’alleanza transatlantica è una solida base – la solida base – su cui si fondano la nostra sicurezza collettiva e la nostra prosperità condivisa. Il partenariato tra Europa e Stati Uniti, a mio avviso, è e deve rimanere la pietra angolare di tutto ciò che speriamo di realizzare nel XXI secolo, proprio come abbiamo fatto nel XX secolo.

 Le sfide che dobbiamo affrontare oggi sono diverse. Siamo ad un punto di svolta. Le dinamiche globali sono cambiate rispetto a quando abbiamo parlato nel passato quando ero senatore e anche vicepresidente. Nuove crisi richiedono la nostra attenzione. E non possiamo concentrarci solo sulla concorrenza tra i paesi che minacciano di dividere il mondo, o solo sulle sfide globali che minacciano di affondarci tutti insieme se non collaboriamo. Dobbiamo fare entrambe le cose, lavorando a stretto contatto con i nostri alleati e partner. Consentitemi quindi di togliere ogni dubbio: gli Stati Uniti lavoreranno a stretto contatto con i nostri partner dell’Unione europea e con le capitali di tutto il continente – da Roma a Riga – per affrontare la gamma di sfide condivise che dobbiamo affrontare. Continuiamo a sostenere l’obiettivo di un’Europa unita, libera e in pace. Gli Stati Uniti sono pienamente impegnati nella nostra Alleanza NATO e accolgo con favore i crescenti investimenti dell’Europa nelle capacità militari che consentono la nostra difesa condivisa. Sapete, per me e per gli Stati Uniti, e per noi, manterremo fede all’articolo 5. È una garanzia. Un attacco a uno è un attacco a tutti. Questo è il nostro voto incrollabile. E l’unica volta in cui l’articolo 5 è stato invocato è stato dopo che gli Stati Uniti sono stati attaccati l’11 settembre. Voi, nostri alleati, vi siete uniti a noi per combattere al Qaeda, e gli Stati Uniti si sono impegnati a consultarsi da vicino con i nostri alleati e partner della NATO sulla via da seguire in Afghanistan. La mia amministrazione sostiene con forza il processo diplomatico in corso e per porre fine a questa guerra in corso da 20 anni. Rimaniamo impegnati a garantire che l’Afghanistan non fornisca mai più una base per attacchi terroristici contro gli Stati Uniti, i nostri partner e i nostri interessi. Anche i nostri partner europei sono stati al nostro fianco per contrastare l’ISIS. Proprio questa settimana, i ministri della difesa della NATO hanno approvato una missione di formazione e  consultiva notevolmente ampliata in Iraq, che sarà vitale per la lotta in corso contro l’ISIS. Non possiamo permettere all’ISIS di riaprire, riorganizzarsi e minacciare persone in Medio Oriente, in Europa, negli Stati Uniti e altrove. E mentre gli Stati Uniti stanno facendo una revisione approfondita della posizione delle nostre forze in tutto il mondo, ho ordinato di interrompere il ritiro delle truppe americane dalla Germania. Sto anche revocando il limite imposto dalla precedente amministrazione al numero di forze statunitensi che possono avere sede in Germania.

So che gli ultimi anni hanno messo a dura prova le nostre relazioni transatlantiche, ma gli Stati Uniti sono determinati a impegnarsi nuovamente con l’Europa, a consultarvi, a riconquistare la nostra posizione di leadership fidata. Oggi, come ho detto, ho partecipato al primo incontro dei leader del G7, dove ho parlato della disperata necessità di coordinare l’azione multilaterale per affrontare COVID-19, la crisi economica globale e l’accelerazione della crisi climatica, e molto altro. Il raggiungimento di questi obiettivi dipenderà da una proposta strategica fondamentale: gli Stati Uniti devono rinnovare i vantaggi duraturi dell’America in modo da poter affrontare le sfide odierne da una posizione di forza. Ciò significa ricostruire meglio le nostre basi economiche; rivendicare il nostro posto nelle istituzioni internazionali; elevare i nostri valori a casa e parlare per difenderli in tutto il mondo; modernizzare le nostre capacità militari guidando con la diplomazia; rivitalizzando la rete americana di alleanze e partnership che hanno reso il mondo più sicuro per tutte le persone. Spero che le nostre democrazie si uniranno a noi in questo lavoro vitale. Le nostre collaborazioni sono durate e sono cresciute nel corso degli anni perché sono radicate nella ricchezza dei nostri valori democratici condivisi. Non sono negoziabili. Non possono essere eradicati. Si basano sulla visione di un futuro in cui ogni voce è importante, in cui i diritti di tutti sono tutelati e lo Stato di diritto è rispettato. Niente di tutto questo è riuscito completamente – nessuno di noi ha completamente raggiunto questa visione. Continuiamo a lavorare in questo senso. E in così tanti luoghi, anche in Europa e negli Stati Uniti, il progresso democratico è sotto attacco. Conosco molti di voi da molto, molto tempo, e sapete che dico ciò che penso, quindi lasciatemi essere chiaro con tutti voi: siamo nel mezzo di un dibattito fondamentale sul futuro e sulla direzione del nostro mondo. Da una parte ci sono coloro che sostengono , date tutte le sfide che dobbiamo affrontare – dalla quarta rivoluzione industriale a una pandemia globale – che l’autocrazia è la via migliore da seguire, dall’altra coloro che comprendono che la democrazia è essenziale – essenziale per affrontare queste sfide.

 Gli storici esamineranno e scriveranno su questo momento come un punto di svolta, come ho detto. E credo che – ogni parte del mio essere – quella democrazia prevarrà e dovrà prevalere. Dobbiamo dimostrare che le democrazie possono ancora adempiere alla loro funzione nel soddisfare i bisogni dei nostri popoli. Questa, a mio avviso, è la nostra missione che ci motiva. La democrazia non avviene per caso. Dobbiamo difenderla, lottare per essa, rafforzarla, rinnovarla. Dobbiamo dimostrare che il nostro modello non è una reliquia della nostra storia; è l’unico modo e il migliore per rivitalizzare la promessa del nostro futuro. E se lavoriamo insieme ai nostri partner democratici, con forza e fiducia, so che affronteremo ogni sfida e supereremo ogni concorrente.  Sapete, dobbiamo prepararci insieme per una competizione strategica a lungo termine con la Cina. Il modo in cui gli Stati Uniti, l’Europa e l’Asia collaborano per garantire la pace, difendere i nostri valori condivisi e promuovere la nostra prosperità attraverso il Pacifico sarà uno degli sforzi più significativi che intraprendiamo. La concorrenza con la Cina sarà dura. Questo è ciò che mi aspetto, ed è ciò che accolgo con favore, perché credo nel sistema globale che l’Europa e gli Stati Uniti, insieme ai nostri alleati nell’Indo-Pacifico, hanno lavorato così duramente per costruire negli ultimi 70 anni. Possiamo vincere la gara per il futuro. Ma per farlo, dobbiamo avere gli occhi chiari sugli investimenti storici e sui partenariati che ciò richiederà. Dobbiamo proteggere – dobbiamo proteggere lo spazio per l’innovazione, la proprietà intellettuale e il genio creativo che prospera con il libero scambio di idee in società aperte e democratiche. Dobbiamo garantire che i vantaggi della crescita siano condivisi ampiamente ed equamente, non solo da pochi. Dobbiamo opporci agli abusi economici e la coercizione del governo cinese che minano le basi del sistema economico internazionale. Tutti, tutti, devono seguire le stesse regole. Le società statunitensi ed europee sono tenute a divulgare pubblicamente la governance aziendale e a rispettare le regole per scoraggiare la corruzione e le pratiche monopolistiche. Le società cinesi dovrebbero rispettare gli stessi standard.

 Dobbiamo plasmare le regole che governeranno il progresso della tecnologia e le norme di comportamento nel cyberspazio, nell’intelligenza artificiale, nella biotecnologia in modo che siano utilizzate elevare le persone, non per bloccarle. Dobbiamo difendere i valori democratici che ci consentono di realizzare tutto ciò, respingendo coloro che vogliono normalizzare la repressione. Sapete, questo è anche – questo è anche il modo in cui saremo in grado di affrontare la minaccia dalla Russia. Il Cremlino attacca le nostre democrazie e utilizza come arma la corruzione per cercare di minare il nostro sistema di governo. I leader russi vogliono che la gente pensi che il nostro sistema sia più corrotto o corrotto come il loro. Ma il mondo sa che non è vero, compresi i russi, i cittadini della Russia. Putin cerca di indebolire l’Europa: il progetto europeo e la nostra Alleanza NATO. Vuole minare l’unità transatlantica e la nostra determinazione, perché è molto più facile per il Cremlino intimidire e minacciare singoli stati che negoziare con una comunità transatlantica forte e strettamente unita. Ecco perché difendere la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina rimane una preoccupazione vitale per l’Europa e gli Stati Uniti. Ecco perché affrontare la sconsideratezza russa e la pirateria informatica nelle reti di computer, negli Stati Uniti, in Europa e nel mondo, è diventato fondamentale per proteggere la nostra sicurezza collettiva. Le sfide con la Russia possono essere diverse da quelle con la Cina, ma sono altrettanto reali. E non si tratta di mettere l’Est contro l’Ovest. Non si tratta di desiderare un conflitto. Vogliamo un futuro in cui tutte le nazioni siano in grado di determinare liberamente il proprio percorso senza minaccia di violenza o coercizione.

Non possiamo e non dobbiamo tornare all’opposizione e ai blocchi rigidi della Guerra Fredda. La concorrenza non deve bloccare la cooperazione su questioni che riguardano tutti noi. Ad esempio, dobbiamo cooperare se vogliamo sconfiggere COVID-19 ovunque. Il mio primo memorandum presidenziale sulla sicurezza nazionale si è concentrato sulle crescenti risposte sanitarie e umanitarie per sconfiggere il COVID-19 e per prevenire e prepararsi meglio alla prossima pandemia. Oggi annuncio che gli Stati Uniti stanzieranno 2 miliardi di dollari per il programma COVAX, con la promessa di altri 2 miliardi di dollari per esortare anche altri a farsi avanti.  Tuttavia, mentre lottiamo per uscire da questa pandemia, la recrudescenza dell’Ebola in Africa ci ricorda che dobbiamo lavorare simultaneamente per finanziare finalmente la sicurezza sanitaria; rafforzare i sistemi sanitari globali; e creare sistemi di allarme preventivo per prevenire, rilevare e rispondere a future minacce biologiche, perché continueranno ad arrivare. Dobbiamo lavorare insieme per rafforzare e riformare l’Organizzazione mondiale della sanità. Abbiamo bisogno di un sistema delle Nazioni Unite incentrato sulle minacce biologiche che possano muoversi rapidamente per attivare l’azione. Allo stesso modo, non possiamo più ritardare o fare il minimo indispensabile per affrontare il cambiamento climatico. Questa è una crisi esistenziale globale e tutti ne soffriremo tutti le conseguenze se falliremo. Dobbiamo accelerare rapidamente i nostri impegni per ridurre in modo aggressivo le nostre emissioni e ritenerci reciprocamente responsabili del raggiungimento dei nostri obiettivi e dell’aumento delle nostre ambizioni. Questo è il motivo per cui, in qualità di Presidente, ho immediatamente aderito all’accordo di Parigi e, da oggi, gli Stati Uniti sono ufficialmente di nuovo parte dell’accordo di Parigi, che abbiamo contribuito a mettere insieme. Durante la Giornata della Terra, ospiterò un vertice dei leader per aiutare a guidare azioni più ambiziose tra i principali emittenti, inclusa l’azione interna per il clima qui negli Stati Uniti.

 Sono grato – sono grato per la continua leadership dell’Europa sulle questioni climatiche negli ultimi quattro anni. Insieme, dobbiamo investire nelle innovazioni tecnologiche che alimenteranno il nostro futuro di energia pulita e ci consentiranno di costruire soluzioni energetiche pulite per i mercati globali. La minaccia della proliferazione nucleare continua inoltre a richiedere un’attenta diplomazia e cooperazione tra di noi. Abbiamo bisogno di trasparenza e comunicazione per ridurre al minimo il rischio di incomprensioni strategiche o errori. Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti e la Russia, nonostante altra concorrenza, hanno prorogato il Nuovo Trattato START per altri cinque anni quando ho giurato. Questo è il motivo per cui abbiamo detto che siamo pronti a riprendere i negoziati con il P5 + 1 sul programma nucleare iraniano. Dobbiamo anche affrontare le attività destabilizzanti dell’Iran in tutto il Medio Oriente e lavoreremo in stretta collaborazione con i nostri partner europei e altri mentre procediamo.

 Lavoreremo anche insieme per bloccare materiale fissile e radiologico per impedire ai gruppi terroristici di acquisirlo o utilizzarlo. La gamma di sfide che l’Europa e gli Stati Uniti devono affrontare insieme è ampia e complessa. E sono entusiasta di sentire i pensieri dei miei buoni amici e leader eccezionali, la Cancelliera Merkel, sulla via da seguire insieme. Quindi lasciatemi concludere con questo: non possiamo permettere che il dubbio su noi stessi ostacoli la nostra capacità di impegnarci a vicenda o nel mondo più ampio. Gli ultimi quattro anni sono stati duri. Ma l’Europa e gli Stati Uniti devono guidare ancora una volta con fiducia, con fiducia nelle nostre capacità, un impegno per il nostro rinnovamento, con fiducia l’uno nell’altro e la capacità di Europa e Stati Uniti di affrontare qualsiasi sfida per garantire il nostro futuro insieme.  So che possiamo farcela. L’abbiamo già fatto. Proprio ieri, dopo un viaggio di 300 milioni di miglia di sette mesi, la NASA ha fatto atterrare con successo il Perseverance Rover su Marte. È una missione di esplorazione, con elementi forniti dai nostri partner europei per cercare prove della possibilità di vita oltre il nostro pianeta e i misteri dell’universo. Nei prossimi anni Perseverance raccoglierà campioni dal Pianeta Rosso e li accumulerà in modo che un’altra missione e un rover, concepiti come uno sforzo congiunto tra la NASA e recuperare questo tesoro di meraviglie scientifiche e portarlo a casa a tutti noi. Questo è quello che possiamo fare insieme. Se la nostra illimitata capacità di portarci su Marte e tornare non ci dice nient’altro, ci dicono che possiamo affrontare qualsiasi sfida sulla Terra. Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno. E voglio che tu sappia che gli Stati Uniti lo faranno – faremo la nostra parte. Saremo con voi. Combatteremo per i nostri valori condivisi. Affronteremo le sfide di questo nuovo momento storico. L’America è tornata. Quindi riuniamoci e dimostriamo ai nostri pronipoti, quando leggono di noi, che la democrazia funziona e opera, e insieme, non c’è niente che non possiamo fare. Quindi mettiamoci al lavoro.

Grazie mille a tutti.  Grazie

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000