Caso Sinatra – Si puo’ auspicare che le donne denuncino ma se non lo fanno non devono poter essere denunciate. Nemmeno se sono Magistrate

Dichiarazione di Irene Testa, Tesoriera del Partito Radicale

Per il Magistrato Alessia Sinatra, nell’ambito dell’inchiesta disciplinare che sta subendo, il non aver tempestivamente denunciato le molestie che le sarebbero state fatte viene valutato come un elemento negativo.

Eppure, la Dottoressa Sinatra è persona che sollecitava, invitava le donne che subiscono molestie a denunciare.

Questa vicenda ci dimostra che per una donna non è semplice denunciare una violenza subita, anche se si tratta di magistrata.

Ma ci insegna anche come, ancora oggi, una donna se subisce molestie o violenze viene considerata parte della violenza, anche dalla magistratura, che nei confronti di una magistrata.

In fin dei conti fino al 1996 la violenza contro le donne era considerato delitto contro la morale e non contro la persona. La legge è cambiata, ma quella cultura sopravvive.

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221