Forte mozione di parlamentari canadesi per definire la persecuzione cinese degli uiguri come genocidio

La Camera dei Comuni ha accusato il Governo cinese di condurre una campagna di genocidio contro gli uiguri e altri musulmani turchi. Una sostanziale maggioranza di parlamentari – compresa la maggior parte dei liberali che hanno partecipato – ha votato a favore di una mozione conservatrice che afferma che le azioni della Cina nella sua regione occidentale dello Xinjiang soddisfano la definizione di genocidio stabilita nella Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio del 1948.

266 a favore e zero contro. Due deputati si sono formalmente astenuti. Il primo Ministro Justin Trudeau e quasi tutti i suoi colleghi di Gabinetto erano assenti al voto. Il ministro degli Esteri Marc Garneau era l’unico Ministro presente. Quando è stato il suo turno, ha detto che si è astenuto “a nome del governo del Canada”. La mozione chiede anche al Governo di fare pressione sul Comitato Olimpico Internazionale per spostare i Giochi Olimpici Invernali del 2022 da Pechino. La mozione è passata sulle strenue obiezioni dell’Ambasciatore cinese in Canada Cong Peiwu, che ha denunciato il voto come un’ingerenza negli affari interni della Cina. Dopo il voto, Garneau ha rilasciato una dichiarazione dicendo che il Governo federale rimane “profondamente turbato da orribili rapporti di violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, compreso l’uso di detenzione arbitraria, rieducazione politica, lavoro forzato, tortura e sterilizzazione forzata”. “Il governo del Canada continuerà a lavorare con i partner internazionali per difendere le minoranze vulnerabili e ripetiamo ancora una volta la nostra richiesta di trasparenza e di un’indagine internazionale credibile in risposta alle accuse di genocidio”. “Questa indagine deve essere condotta da un organismo internazionale e indipendente in modo che esperti imparziali possano osservare e riferire la situazione di prima mano”. La mozione chiede al governo di adottare ufficialmente la posizione che la Cina è impegnata in un genocidio, e di coordinare una risposta con gli Stati Uniti e altri alleati. I rapporti dei media e gli esperti accademici e delle Nazioni Unite hanno accusato la Cina di imprigionare gli uiguri in campi di concentramento e di “deradicalizzazione” e di destinarli al lavoro forzato, alla violenza sessuale, ai metodi di controllo della popolazione e alla sorveglianza a tappeto. Il ministero degli Esteri cinese ha negato le accuse. Mentre non è chiaro quale impatto – e se c’è – la risoluzione non vincolante avrà sull’approccio del governo liberale sulla Cina, essa minaccia di infiammare le relazioni tra i due paesi in un momento in cui sono già tese a causa dell’arresto del Direttore finanziario di Huawei Meng Wanzhou da parte delle autorità canadesi più di due anni fa, e la successiva incarcerazione da parte della Cina dei canadesi Michael Kovrig e Michael Spavor. Il critico conservatore degli affari esteri Michael Chong ha affermato che le prove dei crimini della Cina sono schiaccianti. Ha citato testimonianze di sopravvissuti, immagini satellitari, video, documenti e rapporti dei media delle principali testate statunitensi e internazionali. I parlamentari della Sottocommissione per i diritti umani internazionali della Camera dei Comuni sono d’accordo, in un rapporto di ottobre, con gli esperti che dicono che la campagna cinese contro gli uiguri soddisfa la definizione di genocidio stabilita dalle Nazioni Unite. La Commissione ha ascoltato la testimonianza di diversi testimoni uiguri che hanno dato resoconti di prima mano delle atrocità. Bob Rae, Ambasciatore del Canada alle Nazioni Unite, ha invitato le Nazioni Unite a novembre a indagare se la persecuzione della Cina contro l’etnia musulmana degli Uiguri nello Xinjiang costituisce un genocidio. Nonostante questi appelli, il primo ministro Trudeau e i suoi ministri sono stati riluttanti a usare la parola “genocidio” per descrivere le azioni della Cina contro gli Uiguri. La settimana scorsa, Trudeau ha detto che la parola è “estremamente carica” e non è pronto a usarla a questo punto. Garneau ha affermato che il Canada vuole che investigatori indipendenti vadano in Cina per documentare gli abusi e sta lavorando con partner internazionali per ottenere l’accesso alla regione. Una dichiarazione formale di genocidio porterebbe il Canada in linea con gli Stati Uniti prima di un incontro bilaterale virtuale tra Trudeau e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221