Per i Relatori Speciali ONU, la Russia è responsabile dell’avvelenamento di Navalny ed accolgono con favore il Rapporto degli USA sull’assassinio di Jamal Kashoggi

I relatori speciali Agnès Callamard e Irene Khan ritengono che la Russia è responsabile dell’avvelenamento e della tentata uccisione di Alexei Navalny, lanciando un “appello aperto” per un’indagine internazionale sull’incidente. 

La Relatrice sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie dell’ONU ha dichiarato “La nostra conclusione è che la Russia è responsabile della tentata uccisione arbitraria del signor Navalny”. Gli esperti indipendenti sono stati nominati dal Consiglio dei diritti umani dell’ONU e non sono personale dell’ONU né sono pagati dall’organizzazione. Hanno condotto un’indagine di quattro mesi sul caso Navalny e hanno scritto alle autorità russe lo scorso dicembre, ma non hanno mai ricevuto una risposta. La loro lettera è stata resa pubblica lunedì, in linea con le disposizioni del Consiglio. Hanno affermato che solo la Russia è nota per aver sviluppato, conservato e usato Novichok.  Una nuova versione è stata usata contro il signor Navalny, suggerendo un ulteriore sviluppo della tossina.  Era anche “molto improbabile” che attori non statali avessero la capacità di sviluppare o utilizzare l’agente nervino, o che gli acquirenti privati avessero le competenze per gestirlo correttamente.  “È anche il risultato del nostro lavoro che l’avvelenamento e la tentata uccisione del signor Navalny, insieme con la mancanza di indagini e le narrazioni che negano, sono parte di una tendenza più ampia, in corso da diversi decenni, di uccisioni arbitrarie e tentate uccisioni, anche attraverso l’avvelenamento, da parte delle autorità russe di giornalisti, critici e dissidenti e sono quindi coerenti con un modello generale di modus operandi”. Gli esperti indipendenti hanno anche accolto con favore un rapporto degli Stati Uniti sull’uccisione del giornalista saudita Jamal Kashoggi nell’ottobre 2018. Il rapporto ha trovato il Principe ereditario Mohammed bin Salman complice nell’omicidio del signor Kashoggi, un residente permanente statunitense, nel consolato saudita di Istanbul, in Turchia. L’amministrazione Biden ha detto che imporrà divieti di visto contro circa 76 individui sauditi in risposta. 

Per approfondire clicca qui

1 Comment

  • Maria Paola Bonacina 7 Marzo 2021

    Si scrive “Le relatrici speciali … ritengono che la Russia sia …”: parliamo al femminile e usiamo il congiuntivo, per piacere, grazie.

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000