Mancanza di impegno da parte dei Paesi nel vietare la tortura

Secondo il Relatore Speciale sulla tortura ONU, Nils Melzer,  incaricato dal Consiglio dei Diritti Umani di monitorare la questione a livello globale, ha dichiarato che i governi hanno dimostrato una mancanza di impegno nel bandire la tortura e altri trattamenti crudeli.

Una accusa, quella di Melzer, esposta durante il suo ultimo rapporto che valuta la risposta degli Stati alle sue comunicazioni ufficiali e alle richieste di visite nei paesi.” Mentre le reazioni dei governi alle accuse e alle richieste trasmesse loro, vanno dal completo silenzio al rifiuto aggressivo, alla negazione infondata, all’ostruzione burocratica e persino a forme sofisticate di finzione, il denominatore comune di tutti questi modelli è che assicurano l’impunità ai torturatori e privano le vittime di riparazione e risarcimento”.  Il rapporto esamina come le autorità nazionali hanno cooperato con il relatore delle Nazioni Unite, sulla base di circa 500 comunicazioni ufficiali trasmesse dal 2016 al 2020.  La maggior parte delle risposte, ovvero il 90%, è stata costantemente al di sotto degli standard di cooperazione del Consiglio. “Nel corso degli anni, nove su 10 accuse di tortura e maltrattamento trasmesse ufficialmente ai governi di tutte le regioni del mondo sono state completamente ignorate o comunque non hanno ricevuto una risposta che permettesse di prevenire, indagare o riparare efficacemente la violazione in questione”. La situazione era praticamente la stessa quando si trattava di richieste di visite nei paesi, in particolare in quegli Stati dove la tortura e i maltrattamenti sono segnalati come frequenti. “La proibizione assoluta e universale della tortura e dei maltrattamenti non è una sorta di slogan dichiarativo da ripetere e celebrare abitualmente alle conferenze internazionali, ma richiede inevitabilmente la determinazione politica di prendere decisioni difficili e il coraggio di affrontare verità scomode – non altrove, ma proprio lì a casa”.  Ha raccomandato che l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) guidi un processo per identificare standard concordati per valutare e migliorare l’interazione tra gli Stati e gli esperti di diritti umani delle Nazioni Unite. 

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000