Il massimo forum dell’ONU sui diritti umani approva Risoluzioni su Bielorussia e Myanmar con lo sponsor dell’UE

Il Consiglio dei diritti umani ONU a Ginevra ha approvato mercoledì delle risoluzioni che condannano gli abusi delle libertà fondamentali in Bielorussia e Myanmar, in risposta alle preoccupazioni in corso sulla situazione dei diritti umani in entrambi i Paesi.

Prima dell’adozione della risoluzione sulla Bielorussia senza un voto da parte del Consiglio dei 47 membri, l’Unione europea – il principale sponsor di entrambi i testi – ha sottolineato le violazioni in corso nello stato dell’Europa orientale.

Parlando a nome dell’UE, il Rappresentante permanente del Portogallo presso l’Ufficio ONU a Ginevra, Rui Macieira, ha fatto eco alla condanna delle Nazioni Unite dell’uso della forza contro i manifestanti pacifici nelle manifestazioni di massa in tutto il Paese, dopo la contestata rielezione del presidente Alexander Lukashenko lo scorso agosto. Rifiutando la Risoluzione – che è passata con 20 voti a favore, 7 contrari e 20 astensioni – l’Ambasciatore della Bielorussia, Yury Ambrazevic, ha affermato che il Paese la considera “un ennesimo tentativo di interferire negli affari interni del nostro Stato e noi lo rifiutiamo. Il nostro governo non è d’accordo con la valutazione soggettiva e le accuse infondate che sono contenute nella risoluzione”.

Lo sviluppo arriva dopo che la Relatrice Speciale ONU sulla situazione dei difensori dei diritti umani Mary Lawlor ha parlato contro “una crescente repressione contro i difensori dei diritti umani in Bielorussia”. Durante l’attuale sessione del Consiglio, che si è conclusa mercoledì, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha descritto la situazione post-elettorale in Bielorussia come una “crisi dei diritti umani di dimensioni senza precedenti”. Il Rappresentante dell’UE e del Portogallo, l’Ambasciatore Rui Macieira, ha insistito sul fatto che “casi documentati di arresti e detenzioni arbitrarie di membri dell’opposizione, giornalisti e lavoratori dei media, difensori dei diritti umani, così come le condanne al carcere inflitte ai lavoratori dei media, sono diventati realtà quotidiane in Bielorussia”.”Per prevenire un’ulteriore escalation della crisi dei diritti umani, crediamo che sia imperativo per la comunità internazionale, e per il Consiglio dei diritti umani in particolare, non solo mantenere l’attenzione e il controllo delle violazioni dei diritti umani in Bielorussia, ma anche prendere tutte le misure necessarie per garantire che gli autori delle violazioni dei diritti umani non restino impuniti”. Introducendo la risoluzione sul Myanmar, che ha seguito l’appello di venerdì scorso del segretario generale dell’ONU António Guterres per “una risposta internazionale ferma e unificata” per “porre fine alle violazioni dei diritti umani fondamentali e tornare sulla via della democrazia” dopo il colpo di stato militare del 1° febbraio, l’Ambasciatore Macieira ha sostenuto che i governanti de-facto del paese hanno “aumentato la loro brutale repressione e devono essere tenuti a rispondere”. “Devono fermare l’uso della forza e permettere alla popolazione di esercitare i propri diritti”. L’UE chiede alle autorità militari di porre fine allo stato di emergenza e alla legge marziale e di ripristinare il governo civile eletto. Chiediamo il rilascio del presidente Win Myint, del consigliere di stato Aung San Suu Kyi e di coloro che sono detenuti arbitrariamente”. Secondo la risoluzione, che è stata adottata senza votazione, il Consiglio riafferma il suo “forte impegno per la sovranità, l’indipendenza politica, l’integrità territoriale e l’unità del Myanmar”. Il documento di 11 pagine promette anche di continuare a sostenere il Meccanismo investigativo indipendente per il Myanmar – precedentemente istituito dal Consiglio dei diritti umani – “per raccogliere, consolidare, conservare e analizzare le prove dei più gravi crimini internazionali e delle violazioni del diritto internazionale commessi in Myanmar dal 2011, in particolare negli Stati Chin, Kachin, Kayin, Rakhine e Shan”, in vista di un futuro processo. Respingendo la risoluzione e un possibile futuro processo da parte della Corte Penale Internazionale, il Viceministro del ministero degli Affari esteri del Myanmar, Kyaw Myo Htut, ha detto che il suo governo ha respinto con forza “qualsiasi misura che potrebbe portare il Myanmar al sistema giudiziario internazionale e qualsiasi giudizio che potrebbe erodere i meccanismi giudiziari interni in corso”. “La nostra posizione è assolutamente chiara per quanto riguarda la CPI, che non eserciterà la giurisdizione sul Myanmar, uno Stato non parte dello Statuto di Roma”.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221