Le Agenzie delle Nazioni Unite chiedono un’azione urgente per evitare il rischio di carestia in 20 “punti caldi”

La carestia è già alle porte di milioni di famiglie in 20 Paesi. Yemen, Sud Sudan e Nigeria settentrionale sono in cima alla lista, secondo il Rapporto Hunger Hotspots  pubblicato dalla Food and Agriculture Organization (FAO) e dal World Food Programme (WFP). 

I partner hanno detto che più di 34 milioni di persone nel mondo stanno già affrontando livelli di emergenza di fame acuta, il che significa che sono a un passo dalla fame. Mentre la maggior parte dei Paesi colpiti sono in Africa, il rapporto dice che la fame è destinata ad aumentare vertiginosamente nella maggior parte delle regioni del mondo. Diversi fattori sono alla base del previsto aumento dell’insicurezza alimentare acuta, con le nazioni che devono affrontare uno o un mix di fattori chiave che includono conflitti, la pandemia COVID-19, gli estremi climatici e le epidemie di locuste.  L’accesso umanitario sempre più limitato alle persone bisognose è un’altra preoccupazione. Per  David Beasley, Direttore esecutivo del WFP, sono tre le priorità urgenti:”Abbiamo urgentemente bisogno di tre cose per impedire che milioni di persone muoiano di fame: i combattimenti devono cessare, dobbiamo avere accesso alle comunità vulnerabili per fornire aiuti salvavita, e soprattutto abbiamo bisogno che i donatori si facciano avanti con i 5,5 miliardi di dollari che chiediamo quest’anno”. Il Rapporto raccomanda anche azioni critiche in ogni “hotspot della fame” per affrontare i bisogni attuali e futuri, come l’aumento dell’assistenza alimentare e nutrizionale, la fornitura di sementi tolleranti alla siccità, la riabilitazione delle strutture per la raccolta dell’acqua e l’introduzione di schemi di lavoro in denaro.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000