Esperti di diritti preoccupati per la presunta detenzione e il lavoro forzato degli uiguri in Cina

Esperti indipendenti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani hanno esortato le aziende a controllare da vicino le loro catene di approvvigionamento in seguito alle preoccupazioni per la presunta detenzione e il lavoro forzato degli uiguri musulmani in Cina.

Gli Esperti hanno detto di aver ricevuto informazioni che collegano più di 150 aziende cinesi e straniere con gravi accuse di abusi dei diritti umani contro i lavoratori della minoranza. Molte imprese e fabbriche implicate nelle pratiche abusive operano, secondo quanto riferito, come parte delle catene di fornitura di vari marchi globali ben noti. Secondo le fonti, i lavoratori uiguri sono stati sottoposti a condizioni di lavoro di sfruttamento e di vita abusive, e centinaia di migliaia sarebbero stati tenuti in strutture di “rieducazione”. Molti sono stati trasferiti con la forza a lavorare nelle fabbriche della regione autonoma uigura dello Xinjiang, situata nel nord-ovest della Cina, e altrove nel paese. Secondo Dante Pesce, Presidente del Gruppo di Lavoro, “I lavoratori uiguri sono stati presumibilmente impiegati con la forza in industrie poco qualificate e ad alta intensità di lavoro, come l’agroalimentare, il tessile e l’abbigliamento, il settore automobilistico e tecnologico”. “Mentre il governo cinese giustifica le sue azioni relative al trattamento degli uiguri con la lotta al terrorismo e all’estremismo violento, l’alleviamento della povertà o scopi di sviluppo, tuttavia sollecitiamo rispettosamente il governo a cessare immediatamente qualsiasi misura di questo tipo che non sia pienamente conforme al diritto internazionale, alle norme e agli standard relativi ai diritti umani, compresi i diritti delle minoranze.” Gli Esperti delle Nazioni Unite hanno scritto al governo cinese e alle imprese private sia all’interno che all’esterno del paese che potrebbero essere implicate nei presunti abusi. Hanno anche contattato le autorità di 13 paesi in cui le imprese sono domiciliate o hanno sede.  A questi governi è stato ricordato il loro dovere di assicurare che le imprese sotto il loro territorio o giurisdizione rispettino tutti i diritti umani durante le loro operazioni, in linea con i principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani. 

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221