Ergastolo ostativo: Corte di quale Costituzione?

La Corte Costituzionale ha sancito in modo chiaro ed inequivocabile che l’ergastolo ostativo è incostituzionale.
Avrebbe quindi dovuto dichiararne la illegittimità in base all’art. 136 della stessa costituzione.
MA. Ma ha deciso di affidarsi al buon cuore del Parlamento perché entro un anno cambi la legge per non pregiudicare la lotta alla mafia.
MA. Ma questa è decisione politica che non inficia, non può inficiare, l’incostituzionalità di una legge e la sua cancellazione dall’ordinamento.
MA. Ma dare un anno di tempo al Parlamento perché faccia quel che non ha sinora fatto se da un lato dimostra una grande fiducia nel Parlamento, fiducia che sul fronte giustizia è del tutto immeritata; dall’altra condanna per un dato tempo, foss’anche un giorno, un numero di detenuti, foss’anche uno, ai rigori di una legge anticostituzionale!
Siamo comunque all’età della pietra, se stiamo ancora discutendo della incostituzionalità dell’ergastolo ostativo, quando a nostro avviso e ad avviso della lettera della Costituzione è contrario lo stesso ergastolo, per la cui abolizione avevamo promosso un referendum già nel 1980.Vorremmo che la Corte non limitasse i suoi poteri ma li esercitasse fino in fondo.

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000