Civili a rischio per l’escalation dei combattimenti nel Marib dello Yemen

L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati è profondamente preoccupata per la sicurezza dei civili mentre il conflitto si intensifica nel governatorato di Marib nello Yemen. Solo a marzo, ci sono state 40 vittime civili, di cui 13 in insediamenti di fortuna per famiglie sfollate. Questo è il numero più alto in un mese dal 2018 a Marib.

Dall’inizio del 2021, l’escalation delle ostilità ha portato allo sfollamento di oltre 13.600 persone (2.272 famiglie) a Marib – una regione che ospita un quarto dei 4 milioni di sfollati interni dello Yemen. L’UNHCR rinnova il suo appello a tutte le parti in conflitto affinché prendano misure per proteggere i civili e le infrastrutture civili, compresi i siti che ospitano gli sfollati. Chiedono un passaggio sicuro per i civili fuori dalle zone di conflitto, il rispetto per la loro scelta di trasferirsi in aree più sicure, e una protezione continua per coloro che potrebbero decidere di rimanere indietro. Il carattere civile dei siti che ospitano gli sfollati dovrebbe essere mantenuto per evitare di trasformarli in possibili obiettivi militari. Una recente valutazione della protezione da parte dell’UNHCR ha scoperto che donne e bambini rappresentano quasi l’80% della popolazione sfollata a Marib. Circa un quarto dei bambini non frequenta la scuola. La maggior parte delle famiglie sfollate (90%) vive in estrema povertà, con meno di 1,40 dollari al giorno. È necessario un sostegno urgente da parte della comunità internazionale per alleviare la situazione disperata degli sfollati yemeniti che hanno sopportato enormi sofferenze e traumi negli ultimi sei anni. Finora è stato ricevuto solo il 27% del fabbisogno finanziario dell’UNHCR per la risposta in Yemen.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221