Il WFP aumenta il sostegno nello Yemen ma teme che la risposta possa essere ostacolata

Anche se il Programma Alimentare Mondiale (WFP) sta aumentando il sostegno alle persone nei peggiori focolai di fame dello Yemen, nel tentativo di prevenire la carestia, sostenere la risposta per il resto dell’anno è incerto.

Lo Yemen continua ad essere la peggiore crisi umanitaria del mondo, con molte famiglie sfollate più volte in sei anni di conflitto tra le forze governative, sostenute da una coalizione a guida saudita, e il movimento Ansar Allah, più comunemente noto come Houthis. L’Inviato Speciale delle Nazioni Unite Martin Griffiths si è recato a Riyadh, in Arabia Saudita, per consultazioni, come parte degli sforzi per raggiungere un cessate il fuoco a livello nazionale e la ripresa del processo politico. Il WFP ha detto che quasi 50.000 persone nello Yemen stanno già vivendo in condizioni simili alla carestia, e cinque milioni sono in pericolo immediato.  Ogni 10 minuti un bambino muore per malattie prevenibili come diarrea, malnutrizione e infezioni respiratorie. A partire da febbraio, il WFP ha iniziato a riprendere le distribuzioni mensili a 350.000 persone in 11 distretti del paese che stanno affrontando condizioni simili alla carestia. Quasi 13 milioni di yemeniti dipendono complessivamente dall’assistenza alimentare d’emergenza del WFP.  Ricevono razioni di farina, legumi, olio vegetale, zucchero e sale, oppure buoni o contanti per acquistare la stessa quantità di cibo.  L’Agenzia avrà bisogno di almeno 1,9 miliardi di dollari per prevenire la carestia nello Yemen. Quest’anno, i donatori hanno contribuito con quasi 947 milioni di dollari per i suoi sforzi di prevenzione della carestia, con un sostegno su larga scala proveniente da Stati Uniti, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Germania e Unione Europea. 

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221
BRUSSELS (Belgio)
Rue du Pépin 54, B-1000