UNHCR: Sfollamento forzato a livello record, nonostante la chiusura del COVID

Il numero di persone in fuga da guerre, violenze, persecuzioni e violazioni dei diritti umani è salito lo scorso anno a quasi 82,4 milioni di persone, un ulteriore aumento del quattro per cento in aggiunta al già record di 79,5 milioni, registrato alla fine del 2019.

Secondo il Global Trends Report, fiore all’occhiello dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati la pandemia restrittiva COVID-19 non ha rallentato gli spostamenti forzati in tutto il mondo, e invece potrebbe aver lasciato migliaia di rifugiati e richiedenti asilo bloccati e vulnerabili. Nonostante le restrizioni di movimento legate al COVID e gli appelli della comunità internazionale per un cessate il fuoco globale concertato, lo spostamento ha continuato a verificarsi – e a crescere. Come risultato, più dell’uno per cento della popolazione mondiale – o 1 persona su 95 – è ora sfollata con la forza. Questo rispetto a 1 su 159 nel 2010. Secondo l’UNHCR, diverse crisi – alcune nuove, altre di lunga data e altre che riemergono dopo anni – hanno costretto 11,2 milioni di persone a fuggire nel 2020, rispetto agli 11,0 milioni del 2019. Alla fine del 2020, c’erano 20,7 milioni di rifugiati sotto il mandato dell’UNHCR. Altri 48 milioni di persone erano sfollati interni (IDP) all’interno dei loro paesi. Spinto soprattutto dalle crisi in Etiopia, Sudan, paesi del Sahel, Mozambico, Yemen, Afghanistan e Colombia, il numero di sfollati interni è aumentato di oltre 2,3 milioni.

Se si considerano solo le situazioni di sfollamento internazionale, la Siria è in cima alla lista con 6,8 milioni di persone, seguita dal Venezuela con 4,9 milioni. L’Afghanistan e il Sud Sudan sono venuti dopo, con 2,8 e 2,2 milioni rispettivamente. La Turchia ha continuato ad ospitare il maggior numero di rifugiati con poco meno di 4 milioni, la maggior parte dei quali erano rifugiati siriani (92%). La Colombia ha seguito, ospitando oltre 1,7 milioni di venezuelani sfollati. La Germania ha ospitato la terza più grande popolazione – quasi 1,5 milioni, con rifugiati siriani e richiedenti asilo come il gruppo più grande (44%). Il Pakistan e l’Uganda hanno completato la top 5 dei paesi ospitanti, con circa 1,4 milioni ciascuno. L’UNHCR sta esortando i leader mondiali a intensificare i loro sforzi per promuovere la pace, la stabilità e la cooperazione al fine di arrestare e iniziare a invertire la tendenza di quasi un decennio di aumento degli spostamenti causati dalla violenza e dalla persecuzione. La Convenzione sui rifugiati del 1951 e il Global Compact on Refugees forniscono il quadro giuridico e gli strumenti per rispondere agli spostamenti, è necessaria una volontà politica molto maggiore per affrontare i conflitti e le persecuzioni. Le ragazze e i ragazzi sotto i 18 anni rappresentano il 42% di tutti gli sfollati forzati. Sono particolarmente vulnerabili, specialmente quando le crisi continuano per anni. L’Agenzia ha sottolineato che nel corso del 2020, circa 3,2 milioni di sfollati interni e appena 251.000 rifugiati sono tornati alle loro case – un calo del 40 e del 21 per cento, rispettivamente, rispetto al 2019. Altri 33.800 rifugiati sono stati naturalizzati dai loro paesi d’asilo. L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha ricordato che il 2020 è il nono anno di aumento ininterrotto degli spostamenti forzati nel mondo. Ci sono il doppio degli sfollati forzati rispetto al 2011, quando il totale era poco meno di 40 milioni.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221