WFP: Il rischio di carestia aumenta tra conflitti, COVID-19 e carenze di fondi

L’impatto di conflitti vecchi e nuovi, shock climatici e COVID-19, oltre alla mancanza di fondi, hanno lasciato milioni di persone sull’orlo della carestia rispetto a sei mesi fa. Il WFP lancia un appello per 5 miliardi di dollari “per evitare la carestia” e sostenere la “più grande operazione della sua storia”.

“Il numero di persone sull’orlo della carestia è salito dai 34 milioni previsti all’inizio dell’anno ai 41 milioni previsti a giugno. Senza un’immediata assistenza alimentare d’emergenza, anche loro rischiano di morire di fame, poiché il minimo shock li spingerà oltre il precipizio della carestia”. I nuovi afflussi di rifugiati legati al conflitto e alla siccità hanno aumentato i bisogni delle persone ed il numero è di 584.000 persone”. “Si tratta di persone nella regione del Tigray in Etiopia, in Madagascar, in particolare nella parte meridionale; nel Sud Sudan, soprattutto perché siamo ora nel pieno della stagione magra in quel paese, e nello Yemen”.

Lanciando il suo piano di risposta operativa globale, l’agenzia delle Nazioni Unite ha evidenziato le operazioni in non meno di otto paesi e regioni in cui ha dovuto fare “scelte brutali” a causa di significative carenze di fondi. In pratica, questo ha significato razioni ridotte “in tutta l’Africa orientale e meridionale, così come in Medio Oriente… tra alcune delle persone più vulnerabili del mondo che dipendono dal WFP per sopravvivere”. “Paesi come il Ciad, il Niger e il Burkina, la Mauritania, sono tutti paesi che destano preoccupazione, compresa la Sierra Leone”.  “Il progresso si è fermato, invertito, e oggi, più di 270 milioni di persone sono stimate essere acutamente insicure del cibo o ad alto rischio nel 2021”.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221