Il numero di lavoratori migranti aumenta di cinque milioni

Un nuovo rapporto dell’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) indica che i lavoratori migranti internazionali è aumentato da 164 a 169 milioni, notando anche un netto aumento del numero di giovani che cercano opportunità all’estero.

Nonostante il loro valore per l’economia globale, l’organismo delle Nazioni Unite ha avvertito che molti lavoratori migranti affrontano l’incertezza sul lavoro, una situazione peggiorata dalla pandemia. Le uniche opportunità che spesso trovano sono “lavori temporanei, informali o non protetti”, lasciandoli esposti a un rischio maggiore di insicurezza, licenziamenti e peggioramento delle condizioni di lavoro. Ben il 58% sono uomini – 99 milioni contro 70 milioni di donne – e la maggior parte trova lavoro nel settore dei servizi, seguito dal settore manifatturiero, che impiega quasi due migranti su tre. Un altro sette per cento dei lavoratori stranieri svolge lavori agricoli. Esistono sostanziali differenze di genere tra i settori, con un numero maggiore di donne lavoratrici migranti nei servizi, tra cui la sanità e il lavoro domestico. Più di due lavoratori migranti su tre sono concentrati nei paesi ad alto reddito, con 63,8 milioni in Europa e Asia centrale, e altri 43,3 milioni nelle Americhe. Gli Stati Arabi, l’Asia e il Pacifico ospitano ciascuno circa 24 milioni di lavoratori migranti, mentre l’Africa ha 13,7 milioni di lavoratori migranti, che rappresentano l’8,1% del totale. L’aumento della quota di lavoratori dai 15 ai 24 anni – dall’8,3 per cento nel 2017 al 10,0 per cento nel 2019 – riflette probabilmente gli alti tassi di disoccupazione in molti paesi in via di sviluppo e la tendenza demografica in aumento.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221