Bachelet – Myanmar Da crisi politica a “catastrofe multidimensionale dei diritti umani”. L’ONU deve agire

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha avvertito che quello che è iniziato come un colpo di stato da parte dei militari del Myanmar si è “rapidamente trasformato” in un attacco a tutto campo contro la popolazione civile che è diventato sempre più diffuso e sistematico. 

Alla 47esima sessione del Consiglio dei diritti umani, Michelle Bachelet ha ribadito che la situazione nel Paese si è evoluta da una crisi politica all’inizio di febbraio a una “catastrofe multidimensionale dei diritti umani”, ripetendo una formulazione che ha usato per la prima volta un mese fa. Dal colpo di stato, quasi 900 persone sono state uccise mentre circa 200.000 persone sono state costrette a fuggire dalle loro case a causa delle violente incursioni militari nei quartieri e nei villaggi. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite ha esortato la comunità internazionale a essere unita nel fare pressione sui militari per fermare i suoi continui attacchi al popolo di Myanmar e riportare il paese alla democrazia, riflettendo la “chiara volontà del popolo”. Ha detto che il sistema delle Nazioni Unite non deve fallire il Paese una seconda volta”, ha aggiunto, citando la revisione 2019 dell’azione delle Nazioni Unite nel paese, da parte di Gert Rosenthal.

Le Agenzie dell’ONU stimano che più di 6 milioni di persone hanno gravemente bisogno di aiuti alimentari e prevedono che quasi la metà della popolazione potrebbe cadere in povertà entro l’inizio del 2022. Nonostante la repressione, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite ha indicato che la leadership militare non ha assicurato con successo il controllo del Myanmar, né ha ottenuto il riconoscimento internazionale che cerca. Ha aggiunto che la gente in tutto il paese continua le proteste pacifiche nonostante l’uso massiccio della forza letale, comprese le armi pesanti, e un “movimento di disobbedienza civile ha portato molte strutture governative controllate dai militari a un punto morto”.  “Qualsiasi futuro governo democratico in Myanmar deve avere l’autorità di esercitare un effettivo controllo civile sui militari. La comunità internazionale dovrebbe basarsi sulla gamma di meccanismi internazionali di responsabilità già impegnati, fino a quando le misure di giustizia di transizione diventeranno realmente possibili anche a livello nazionale”, ha concluso l’Alto Commissario.  

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221