Bielorussia: “Assalto su vasta scala” in corso contro la società civile in mezzo a massicce violazioni dei diritti umani

Nel suo rapporto annuale al Consiglio per i diritti umani, Anaïs Marin, esperto indipendente per monitorare il Paese, ha denunciato che la Bielorussia è stata testimone di una crisi dei diritti umani senza precedenti nell’ultimo anno, invitando le autorità a porre immediatamente fine alla loro politica di repressione e a rispettare pienamente le legittime aspirazioni del loro popolo.

“Le autorità bielorusse hanno lanciato un assalto su larga scala contro la società civile, limitando un ampio spettro di diritti e libertà, prendendo di mira persone di tutti i ceti sociali, e perseguendo sistematicamente i difensori dei diritti umani, i giornalisti, gli operatori dei media e gli avvocati in particolare. La repressione è tale che migliaia di bielorussi sono stati costretti o altrimenti obbligati a lasciare la loro patria e cercare sicurezza all’estero; tuttavia l’abbattimento di un aereo civile a Minsk il 23 maggio, con il solo scopo apparente di arrestare un dissidente che era a bordo, ha segnalato che nessun oppositore dell’attuale governo è al sicuro da nessuna parte”. “La sfiducia nella legittimità del risultato elettorale ha innescato proteste popolari spontanee e in gran parte pacifiche a cui le autorità hanno risposto con una forza ingiustificata, sproporzionata e spesso arbitraria”, ha detto il relatore speciale, che ha ricordato che più di 35.000 persone sono state arrestate da allora per aver cercato di esercitare il loro diritto alla libertà di riunione pacifica, comprese donne e bambini arrestati per aver manifestato pacificamente solidarietà con le vittime della violenza della polizia. “Poiché il sistema legale e giudiziario in Bielorussia protegge gli autori di gravi violazioni dei diritti umani, la continua impunità significa che non c’è garanzia di non ripetersi. Perciò la comunità internazionale dovrebbe continuare a chiedere il rilascio e la riabilitazione di tutti coloro che sono ancora detenuti per motivi politici, e sostenere le iniziative che mirano a consegnare gli autori dei crimini più gravi alla giustizia”. “Chiedo alle autorità bielorusse di porre fine alla loro politica di repressione, di rilasciare immediatamente e incondizionatamente le persone detenute arbitrariamente, e di assicurare il pieno rispetto dei diritti umani e delle legittime aspirazioni democratiche delle persone in Bielorussia”, ha detto l’esperto delle Nazioni Unite, avvertendo che un ulteriore aggravamento della crisi dei diritti umani e l’autoisolamento internazionale potrebbero avere conseguenze disastrose per tutto il paese.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221