Guteress: l’impegno di 1 miliardo di dollari è un “salto di qualità” nell’impegno per l’Afghanistan

In una riunione ministeriale di alto livello, il Segretario Generale dell’ONU ha salutato il significativo sostegno finanziario internazionale promesso al popolo afgano dopo una riunione a Ginevra, che ha quasi raddoppiato l’iniziale appello flash di 606 milioni di dollari per il paese. A margine della riunione ministeriale, il Segretario Generale ha notato che il fatto che quasi 100 Stati membri abbiano partecipato – oltre a più di 30 organizzazioni regionali e internazionali – sottolinea che la crisi in Afghanistan rimane una questione cruciale per la comunità globale. Mentre le preoccupazioni immediate si sono concentrate sulla fornitura di aiuti di emergenza per evitare una grave crisi umanitaria nel paese, Guterres ha avvertito che tale assistenza “non risolverà il problema se l’economia dell’Afghanistan crolla. E sappiamo che il rischio è enorme, e che c’è una drammatica mancanza di denaro”. Incalzato sulla natura delle assicurazioni scritte che i Talebani hanno consegnato in una lettera all’ONU lo scorso fine settimana riguardo all’assistenza umanitaria, il Segretario Generale ha spiegato che c’erano in realtà due documenti. “Uno era la garanzia del lavoro umanitario dell’ONU e il rispetto da parte dei Talebani di quel lavoro umanitario; e il secondo, che sono in grado di fornire sicurezza e anche scorte quando ci sono situazioni di insicurezza che lo giustifichino”. “Quindi non solo c’è un atteggiamento di accettazione, ma c’è un atteggiamento di sostegno”. Ha aggiunto che è anche importante sottolineare che il comunicato dei talebani fa anche appello al sostegno internazionale per lo sviluppo, per combattere il traffico di droga e la sicurezza. Nel frattempo, il primo volo del Servizio Aereo Umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS) nella capitale dell’Afghanistan, Kabul, dopo la presa di potere dei Talebani un mese fa, è stato definito una “pietra miliare”, con altri che seguiranno. L’UNHAS è gestito dal Programma Alimentare Mondiale (WFP), che ha riferito che il volo è decollato da Islamabad, Pakistan,  ed è stato un successo. Il WFP ha detto che il piano è di avere voli cinque giorni a settimana, da domenica a giovedì, che viaggiano da Islamabad in Afghanistan. Gli aerei voleranno a Kabul, poi alle città di Kandahar, Mazar-i-Sharif e Herat, tornando a Islamabad via la capitale. UNHAS ha ripreso i suoi voli verso l’Afghanistan il 29 agosto, collegando Islamabad a Mazar-i-Sharif, Kandahar e Herat. 

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221