Siria: 10 anni di guerra hanno causato almeno 350.000 morti

L’Alto Commissario Michelle Bachelet al Consiglio dei Diritti Umani ha reso noto che un decennio di guerra in Siria ha lasciato più di 350.200 morti, notando che questo totale è un “sotto-conteggio del numero effettivo di uccisioni”.

Questi sono il risultato di una guerra che è nata dalla rivolta del 2011 contro il governo del Presidente Bashar al-Assad. Basandosi sul “rigoroso lavoro” dell’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite (OHCHR), il conteggio, che include civili e combattenti, si basa su una “metodologia rigorosa” che richiede il nome completo del defunto, la data della morte e la posizione del corpo. Nel primo aggiornamento ufficiale sul bilancio delle vittime dal 2014, l’Alto Commissario ha informato il Consiglio che più di uno su 13 di coloro che sono morti a causa del conflitto, era una donna – 26.727 in tutto – e quasi uno su 13 era un bambino – un triste totale di 27.126 giovani vite perse. Il governatorato di Aleppo ha visto il maggior numero di uccisioni documentate, con 51.731 individui nominati. Altri pesanti pedaggi di morte sono stati registrati a Damasco rurale, 47.483; Homs, 40.986; Idlib, 33.271; Hama, 31.993; e Tartus, 31.369. L’Alto Commissario ha spiegato che documentare i decessi integra gli sforzi per rendere conto delle persone scomparse e che il suo ufficio ha aiutato le famiglie dei dispersi ad impegnarsi con i meccanismi internazionali dei diritti umani. Dato il vasto numero di persone scomparse in Siria, la Bachelet ha ribadito la sua richiesta di un meccanismo indipendente, con un forte mandato internazionale, per “chiarire il destino e la posizione delle persone scomparse, identificare i resti umani e fornire sostegno ai parenti”.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221