Ciberviolenza di genere: I deputati chiedono sanzioni armonizzate e sostegno alle vittime

Le commissioni per le libertà civili e i diritti delle donne hanno chiesto una legislazione per combattere la violenza informatica basata sul genere. Il progetto di relazione di iniziativa legislativa, approvato con 76 voti a favore, 8 contrari e 8 astensioni, ribadisce la mancanza di un quadro giuridico dell’UE per combattere la violenza informatica di genere, nonché la mancanza di meccanismi efficaci di protezione e sostegno per le vittime, nonostante l’aumento dei casi dovuto alla pandemia COVID-19.I deputati considerano la violenza di genere offline e online come sfaccettature dello stesso problema. Sottolineano il fatto che l’effetto agghiacciante della cyberviolenza di genere spesso si riversa nel mondo reale, il che significa che tende a non essere denunciato. I deputati ribadiscono anche che tutti i tipi di discriminazione sono esacerbati online, e che si intersecano, portando a conseguenze più estreme per le persone vulnerabili come le donne migranti, le donne delle minoranze, le persone che si identificano come LGBTIQ, e gli adolescenti. Chiedono una direttiva per stabilire una definizione comune di diritto penale della cyberviolenza di genere e per armonizzare le sanzioni contro i trasgressori. La direttiva dovrebbe anche includere misure per promuovere e sostenere azioni preventive da parte degli Stati membri, così come disposizioni specifiche per proteggere, sostenere e garantire la riparazione delle vittime. Un elenco non esaustivo delle diverse forme di violenza informatica di genere che dovrebbero essere coperte da questa nuova direttiva include: molestie informatiche; stalking informatico; violazioni della privacy; registrazione e condivisione di immagini di aggressioni sessuali; controllo o sorveglianza a distanza (anche attraverso app spia); minacce e inviti alla violenza; discorsi di odio sessista; induzione all’autolesionismo; danni informatici; accesso illegale a messaggi o account di social media; violazione dei divieti di comunicazione imposti per mezzo di ordini giudiziari; e, traffico di esseri umani.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221