L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite rinvia la decisione sui seggi di Afghanistan e Myanmar

L’Assemblea Generale ha adottato una Risoluzione per ritardare una decisione su chi rappresenterà l’Afghanistan e il Myanmar presso l’organismo mondiale, il che significa che gli attuali Ambasciatori dei due Paesi rimarranno al loro posto per il momento. La Risoluzione è stata adottata senza un voto e segue una riunione tenutasi la scorsa settimana dal Comitato delle credenziali dell’ONU, che approva la rappresentanza diplomatica di tutti i 193 Stati membri. Le autorità talebane de facto in Afghanistan, così come i governanti militari in Myanmar, hanno cercato di sostituire gli inviati, che sono stati nominati da governi democraticamente eletti che sono stati deposti quest’anno. L’Onu rimane concentrata sull’assistenza alla popolazione dell’Afghanistan, dove i Talebani hanno preso il potere in agosto. Le necessità sono aumentate notevolmente, con circa 23 milioni di persone che richiedono assistenza umanitaria. Come continua anche a spingere per una soluzione diplomatica alla crisi in Myanmar, sulla scia del colpo di stato militare del 1° febbraio. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha condannato l’imprigionamento della leader civile spodestata Aung San Suu Kyi, tenuta in detenzione dal golpe. La vincitrice del premio Nobel per la pace è stata giudicata colpevole di incitamento al dissenso e di violazione delle regole del COVID-19.

Per approfondire clicca qui

Leave a reply

PARTITO RADICALE
NONVIOLENTO TRANSNAZIONALE TRANSPARTITO

ROMA (Italia)
Via di Torre Argentina 76 – 00186
Tel. +39.06.689791   –   Fax: +39.06.68979221