PER ADERIRE COMPILA QUESTO FORM

IL CASO CORONA RILANCIA IL PROBLEMA DEI MALATI PSICHIATRICI IN CARCERE

885 firme

Condividi

   

IL CASO CORONA RILANCIA IL PROBLEMA

DEI MALATI PSICHIATRICI IN CARCERE

APPELLO alla Ministra della Giustizia Marta Cartabia e al Ministro della Salute Roberto Speranza

Il problema della salute mentale in carcere, oggi rilanciato dalla vicenda che riguarda Fabrizio Corona e che coinvolge da ben prima di lui migliaia di altri cittadini, esige una vostra urgente e concreta risposta. Nei 109 istituti di pena italiani il 78% dei ristretti è affetto almeno da una condizione patologica, di cui per il 41% da una patologia psichiatrica. Non ci sono dati ufficiali ma grazie al lavoro del terzo settore e dei sindacati di polizia penitenziaria si è a conoscenza che oltre il 50% dei detenuti assumono psicofarmaci. I dati ci dicono che i detenuti con dipendenze da sostanze psicoattive rappresentano il 23,6%, con disturbi nevrotici il 18% , il 6% con disturbi legati all’abuso di alcol e il 2,7% con disturbi affettivi. Dall’ultimo rapporto dell’Associazione Antigone del 2020 risulta che, nei 98 istituti visitati, il 27% dei detenuti è in terapia psichiatrica (Spoleto il 97%, a Lucca il 90%, a Vercelli l’86%) e il 14% dei detenuti è in trattamento per dipendenze.

Per quanto riguarda la questione dei malati di mente la normativa italiana è ferma a quanto prescritto dal Codice Rocco del regime fascista, risalente a ben 91 anni fa; le norme relative alla imputabilità, alla pericolosità sociale, sono del 1930 e sono ancora in vigore, nonostante siano profondamente mutate le conoscenze scientifiche in ambito psichiatrico. 
Inoltre, esistono due provvedimenti cautelari della CEDU in materia di diritti dei detenuti e soggetti vulnerabili relative al caso di due pazienti psichiatrici detenuti in carcere che hanno disposto  che il Governo italiano provveda al loro immediato trasferimento presso una struttura idonea ad assicurare un trattamento medico-sanitario adeguato alle loro condizioni di salute. 
Nel 2020 si sono registrati 61 suicidi in carcere mentre nel 2019 ne sono avvenuti 53. La modalità principale di suicidio è l’impiccamento. L’Italia è al di sopra della media UE per numero di suicidi in rapporto alla popolazione carceraria: il tasso italiano di suicidi per 10mila detenuti è di 10,1 nel 2018, il tasso medio UE è di 7,2. Mentre sono oltre 10mila i casi di autolesionismo che si registrano ogni anno.

Riteniamo doveroso riportare in questo appello quanto ebbe a dire qualche tempo fa il dottor Francesco Ceraudo, per 25 anni Presidente dell’Associazione nazionale dei medici dell’amministrazione penitenziaria:

“Nelle carceri italiane si entra puliti e si esce dipendenti. La dipendenza da psicofarmaci fa comodo a tutti. Per il direttore del carcere e la polizia penitenziaria è utile che il detenuto se ne stia tutto il giorno accucciato sul materasso. È meglio anche per i medici e gli infermieri che se ne stia tranquillo, non si metta a urlare, sia passivo, senza vitalità.”

Va infatti ribadito che un qualsiasi abuso di farmaci non giustificato in una qualsiasi forma del disagio mentale può condurre alla condizione di dipendenza. È fondamentale migliorare e riconoscere, soprattutto in un ambiente così estremo come il carcere, la malattia psichiatrica in tutte le sue forme nonché è opportuno a quel punto usare i presidi terapeutici necessari a contenerla e favorirne un suo epilogo positivo, partendo da un utilizzo razionale mirato e non un abuso di una terapia farmacologica.

A supporto di quanto denunciato da anni dal Partito Radicale circa l’illegittimità di avere la pretesa di poter curare i malati psichiatrici in carcere, ci vengono in supporto le considerazioni del Comitato Nazionale per la bioetica, il quale fornisce delle raccomandazioni, ossia:

“Assicurare forme umane di detenzione, rispettose della dignità delle persone, offrendo un trattamento con opportunità di formazione e di lavoro nella prospettiva risocializzante è l’obiettivo basilare per tutelare la salute mentale di tutti i detenuti e le detenute. Sulla base del diritto alla tutela della salute e della parità nel diritto “dentro” e “fuori” le mura, la cura delle persone affette da grave disturbo mentale – e che abbiano compiuto reati – dovrebbe avvenire di regola in contesti territoriali e residenziali curativi e non in istituzioni detentive”.

Nel 2014 il Comitato Nazionale di Bioetica ha adottato un parere in merito alle attuali condizioni dei detenuti affetti da infermità psichica con il quale si evidenzia l’importanza del principio di parità di tutela del diritto alla salute dei soggetti detenuti e dei soggetti liberi, in quanto “diritto umano e costituzionale”. Sottolinea come, da ricerche italiane e internazionali, emerga che il carcere sia un luogo in cui la salute mentale non trovi un’adeguata tutela e che la popolazione carceraria generalmente goda di una salute mentale più precaria rispetto alla popolazione libera e parla di una fisiologica incompatibilità tra il carcere e un’adeguata tutela della salute mentale: da ciò emerge come le persone affette da disturbi psichiatrici dovrebbero essere curate di regola in strutture diverse dal carcere, mantenendo sempre un legame con il loro territorio di appartenenza. In base a queste considerazioni, il CNB raccomanda di provvedere a che la cura delle persone affette da grave disturbo mentale e che abbiano compiuto reati, avvenga in contesti territoriali e residenziali curativi e non in istituzioni detentive.

Anche la Corte costituzionale fra il 2003 e il 2004, richiamando la preminenza del diritto alla salute della persona affetta da disturbo mentale, afferma che

“le esigenze di tutela della collettività non potrebbero mai giustificare misure tali da recare danno, anziché vantaggio, alla salute del paziente”.

Noi sottoscritti riteniamo che occorre far prevalere l’interesse del malato, noto ed ignoto, che non può essere garantito all’interno delle mura di un carcere e
Vi chiediamo che vengano messi a disposizione i dati necessari nei portali istituzionali atti a completare la fotografia reale della situazione della patologia psichica in carcere, e che si adottino con la massima urgenza misure per il trasferimento dei malati psichici in strutture e servizi territoriali/residenziali curativi alternativi al regime detentivo.

Avvocati

Giovanna Angelo, Salemi; Giuseppina Valentina Aronica, Palermo; Elena Baldi, Pistoia; Fabio Barbieri, Genova; Giuseppe Belcastro, Roma; Tiziana Bellani, Milano; Annamaria Bernardini de Pace, Milano; Candido Bonaventura, Messina; Maria Brucale, Roma; Francesco Buonomini, Roma; Ersi Bozheku, Roma; Michele Calantropo, Palermo; Michele Capano, Salerno; Daniele Caprara, La Spezia; Barbara Celestini Campanari, Roma; Deborah Cianfanelli, La Spezia; Domenico Ciruzzi, Napoli; Stefano Daldoss, Trento; Gennaro Falco, Presidente Lions Club Gabicce Mare (Pu); Alessandro De Federicis, Roma; Giacomo De Luca, Roma; Angela Furlan, Roma; Luigi Funari, Roma; Simona Giannetti, Milano; Francesco Lai, Nuoro; Marco Lamberti, Bra (CN); Giovanni Legnini, Loreto Aprutino (PE); Umberto Limongelli, Napoli; Francesco Lodise, Velletri (RM); Luigi Marcialis, Cagliari; Giuseppe Marletta, Catania; Franco Messina, Presidente onorario della Camera Penale di Marsala; Fiorinda Mirabile, Salerno; Alberto Muratore Aprosio, Ventimiglia; Zena A. Orunesu, Sassari; Cesare Placanica, Roma; Alessio Romanelli, Presidente Camera Penale Cremona; Giuseppe Rossodivita, Roma; Rosario Scalise, Saint-Christophe (AO); Priamo Siotto, Nuoro; Antonello Spada, Oristano; Gianluca Tognozzi, Roma; Maria Laura Turco, Roma; Alessia Verdesca Zain, Latina; Simona Verdesca Zain, Latina; Federico Vianelli, Treviso.

Dal mondo della scienza, del giornalismo, della politica e
della cultura

Asia Argento, attrice; Pino Apprendi, Presidente Antigone Sicilia; Massimo Barra, Medico, Villa Maraini; Rita Bernardini, Consigliere generale del Partito Radicale, già deputato; Annamaria Bernardini De Pace, avvocato e saggista; Fausto Bertinotti, già Presidente Camera dei Deputati; Paola Bocci, Consigliera PD Regione Lombardia; Achille Bonito Oliva, critico d’arte, accademico, saggista; Giovanni Burtone, Medico e Sindaco di Militello (CT); Don Ettore Cannavera, già Presidente dei cappellani penitenziari della Sardegna, Consigliere generale del Partito Radicale; Ugo Cappellacci, deputato Forza Italia, già Presidente della Regione Sardegna; Jana Cardinale, giornalista; Niccolò Carretta, Consigliere Regionale Lombardia (Gruppo Misto); Alessandro Cecchi Paone, giornalista, conduttore televisivo; Piero Chiambretti, autore e conduttore televisivo; Francesco Chiamulera, responsabile “Una Montagna di libri”; Giuseppina Colosimo, Presidente di AGCI Solidarietà; Giliberto Corbellini, epistemologo, Professore ordinario di storia della medicina e insegna bioetica alla Sapienza Università di Roma, dove è anche direttore del Museo di storia della medicina – Dipartimento di medicina molecolare; Gabriella Corona Privitera, madre di Fabrizio Corona; Stefano Corradino, portavoce Articolo 21, giornalista RaiNews24; Mauro Coruzzi (in arte Platinette), conduttore radiofonico, conduttore televisivo, personaggio televisivo e cantante italiano; Carmelo Cosimi, presidente della Onlus Disability Pride; Maurizio Costanzo, giornalista, conduttore televisivo e radiofonico, autore televisivo; Ilaria Cucchi, fondatrice Associazione Stefano Cucchi Onlus; Alda D’Eusanio, giornalista, conduttrice; Gregorio De Falco, Senatore Gruppo Misto; Maria De Filippi, autrice e conduttrice televisiva; Dario Dongo, Presidente dell’ associazione Egalitè onlus; Maria Antonietta Farina Coscioni, segreteria del Partito Radicale, già deputato; Claudio Fava, Deputato Regione Sicilia; Vittorio Feltri, già Direttore di Libero; Fabrizio Ferrandelli, Consigliere Comunale Palermo; Francesca Frediani, Consigliere regionale Movimento 4 Ottobre Piemonte; Monica Gallo, Garante diritti persone private della libertà, Torino; Roberto Giachetti, deputato Italia Viva, Consigliere generale del Partito Radicale; Sonia Gioia, blogger; Gian Antonio Girelli, Consigliere PD Regione Lombardia; Alessandro Haber, attore; Stefano Kovac, Presidente Arci Genova; Luca Landò, Neurobiologo cellulare e giornalista. Membro della Society for Neuroscience e della Biophysical Society; Carmen Lasorella, giornalista; Cristina Lodi, Consigliera Comunale Genova; Vladimir Luxuria, scrittrice, già parlamentare; Simona Maggiorelli, Direttore responsabile del settimanale “Left”; Gregorio Mammi’, Consigliere Regionale Lombardia; Matteo Mantero, senatore gruppo misto; Claudio Martelli, già Ministro della Giustizia; Mario Mascia, Capogruppo Forza Italia al Comune di Genova; Cesare Mattaliano, Consigliere Comunale Palermo; Alessandro Napoli, blogger; Gabriele Nardini, Presidente AGCI Umbria; Carlo Nordio, già Procuratore aggiunto presso il Tribunale di Venezia, editorialista de Il Messaggero; Corrado Oppedisano, Direzione Regionale Psi Liguria; Antonella Orunesu, Medico alla Casa di Reclusione di Onanì Mamone (NU); Francesco Orzi, Neurologo, Professore di neurologia alla Sapienza di Roma, già Direttore dell’Unità operativa complessa di neurologia dell’Ospedale universitario Sant’Andrea di Roma; Luca Palamara, Magistrato; Rocco Papaleo, attore; Alba Parietti, opinionista, conduttrice televisiva; Nicola Paris, Consigliere regionale Calabria; Giovanni Pastorino, Consigliere Regione Liguria; Stefano Pellegrino, Deputato Regione Sicilia; Giorgio Pieri, esponente Comunità Papa Giovanni XXIII; Giuliano Pisapia, europarlamentare, già Sindaco della Città Metropolitana di Milano; Renata Polverini, Onorevole Gruppo Misto; Nicola Porro, giornalista e conduttore televisivo; Marco Ravera, Consigliere comunale Rete a sinistra Savona; Attilio Romita, giornalista tg1; Sergio Rossetti, Consigliere Regionale Liguria PD; Loretta Rossi Stuart, attrice e ballerina e mamma di Giacomo Seydou Sy, paziente psichiatrico affetto da disturbo bipolare soggetto del provvedimento CEDU del 2020; Carmela Rozza, Consigliera PD Regione Lombardia; Virginia Saba, giornalista; Alessandro Sallusti, Direttore de Il Giornale; Giorgio Santelli, giornalista RaiNews24; Roberto Saviano, scrittore e giornalista; Pietro Senaldi, Direttore di Libero; Marco Sferini, scrittore e politico, Rifondazione comunista Savona; Vittorio Sgarbi, Onorevole Gruppo Misto, saggista, critico d’arteGiulia Sorrentino, giornalista di Libero; Rosario Sorrentino, Neurologo, divulgatore scientifico; Aimone Spinola, cooperativa sociale Astra; Sergio Staino, fumettista e vignettista; Piergiorgio Strata, Professore emerito di Neurofisiologia all’Università degli Studi di Torino; Sergio Tancredi, Deputato Regione Sicilia; Ninni Terminelli, già Consigliere Comunale Palermo, avvocato; Giovanni Terzi, giornalista de Il Tempo; Anna Testa, giornalista, attrice e regista; Irene Testa, tesoriere del Partito Radicale; Gisella Trincas, Presidente dell’Unione Nazionale delle Associazioni per la salute mentale – UNASAM; Maurizio Turco, Segretario del Partito Radicale, già deputato; Michele Usuelli, Consigliere Regionale Lombardia; Simona Ventura, conduttrice televisiva; Guido Vitiello, Docente di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi alla Sapienza Università di Roma, giornalista de Il Foglio; Luca Zarfati, Responsabile Nazionale Sociale UNOE; Stefano Zurlo, giornalista de Il Giornale.

Ultime firme